30 dicembre 2010

Miroglio - Presepi in casa 2010 - Il tagliando di partecipazione


Anche quest’anno Residenti ed Ospiti di Miroglio e dintorni, siete invitati a partecipare, numerosi come per le precedenti edizioni, a questa nuova edizione di “Presepi in Casa” che, nella sua essenziale semplicità, ha riscosso con il tempo crescente interesse.
Coloro che intendono partecipare a questa edizione dell’iniziativa sono cordialmente invitati a compilare il tagliando posto in calce al presente invito ed a consegnarlo, compilato in ogni sua parte specialmente per quanto riguarda il numero telefonico (fondamentale per poter prendere appuntamento per la visita ed il rilievo fotografica), nell’apposito cestino di raccolta posto in fondo alla Chiesa di San Biagio a Miroglio oppure presso l’INFOPOINT MONDOLÈ in via IV novembre a Frabosa Sottana.
Come è avvenuto in ognuna delle precedenti edizioni, a ciascuna delle famiglie partecipanti verrà rilasciato una attestazione di partecipazione e la riproduzione fotostatica dell’immagine del presepe quale testimonianza della partecipazione allo Spirito dell’Avvento, portatore di pace e serenità.
I presepi, come è consuetudine, saranno visitati nel periodo natalizio per poterne attestare l’esecuzione, saranno fotografati e le immagini saranno esposte in una mostra che si terrà in occasione della solennità di San Biagio – che l’intera Comunità del Borgo festeggerà domenica 6 febbraio 2011 – successivamente, in una specifica cerimonia, verrà effettuata la consegna dei riconoscimenti.
Gli organizzatori auspicano che i partecipanti siano numerosi anche in questa edizione e che chi partecipa lo faccia con semplicità nella consapevolezza che hanno relativa importanza la bellezza estetica, o la particolarità architettonica o artistica dell’elaborato, mentre assume significato, ad esempio, l’emergere della semplice testimonianza di adesione spirituale ad un dono che non è di una sola stagione … ma di un’intera esistenza.

________________________ TAGLIARE LUNGO QUESTA LINEA


PRESEPI in CASA 2010


La Famiglia _____________________________________________

residente in Via_________________________________________

Telefono ____________________________________



partecipa all’iniziativa “Presepi in Casa 2010”. E’ informata che nel periodo dal 28 dicembre 2010 al 6 gennaio 2011 il Presepe realizzato sarà visionato e fotografato per l’attestazione di esecuzione ed autorizza la successiva esposizione dell’immagine nella mostra fotografica che sarà organizzata per i festeggiamenti di San Biagio.

Firma di adesione e di consenso ______________________________________

Miroglio, ____________________ (data)

27 dicembre 2010

Presepi a Frabosa Sottana



Negli spazi aperti al pubblico dell’Albergo Italia di Frabosa Sottana, nel periodo natalizio, su iniziativa della signora Anna Viglietti, appassionata cultrice della tradizione presepiale, si terrà una esposizione di presepi da diversi Paesi dell’Europa.
La mostra, realizzata con gusto ed attenzione ai particolari, sarà inaugurata venerdì 24 dicembre e proseguirà, con apertura pomeridiana dalle ore 17.00 alle ore 18.30, tutti i giorni sino al 6 gennaio 2011.
La signora Viglietti, titolare dell’Albergo Italia, non è nuova ad iniziative di questo genere che, nel clima natalizio che ci trova in buon numero impegnati negli acquisti degli ultimi doni da offrire a parenti ed amici, ci forniscono l’occasione, senza alcuna forzatura, per una riflessione attenta ed approfondita sul dono di amore che l’umanità intera riceve e rinnova ogni anno.
Negli anni scorsi ha infatti già realizzato analoghe esposizioni di presepi, allestiti all’interno dell’Albergo o gentilmente messi a disposizione degli organizzatori degli eventi ed ha sempre partecipato con propri gruppi presepiali alle diverse iniziative che si sono svolte a Frabosa Sottana, in Val Maudagna ma anche in località diverse, ricevendo sempre attestazioni di merito, quando non sono stati anche ambiti riconoscimenti.
L’invito a tutti è quello di visitare numerosi l’esposizione per non perdere l’occasione di una gradevole quanto coinvolgente esperienza.
Alberto Verardo

24 dicembre 2010

A Miroglio le foto dei "Presepi di casa nostra"


Con apertura dopo lo svolgimento della “Camminata con i Pastori … secondo la favola di Gelindo” in programma giovedì 29 dicembre alle ore 15.45 nella frazione di Miroglio del comune di Frabosa Sottana, sino all’Epifania, con orario 16.00 – 18.00 di ogni giorno, con l’aggiunta per i festivi dalle ore 11.00 alle ore 13.00, si terrà negli spazi espositivi del locale “Museo della Montagna e della Sua Gente”, l’esposizione di una rassegna fotografica riguardante i “Presepi di casa nostra”.
Si tratta di un percorso visivo che illustra parte di quelli che, negli anni, sono stati i presepi realizzati nelle abitazioni di residenti ed ospiti che hanno partecipato e continuano a tenere viva l’iniziativa, in atto da oramai molto tempo, che va sotto la tradizionale definizione dei “Presepi in casa”.
Essendo state sempre numerose le partecipazioni all’iniziativa, inevitabilmente non tutti i presepi realizzati nel periodo nelle diverse abitazioni e fotografati a fine storico documentale da un incaricato, hanno trovato spazio in questa esposizione.
Per la scelta delle immagini da esporre, i responsabili dell’Associazione San Biagio di Miroglio che hanno promosso l’iniziativa, hanno cercato di far emergere più che l’aver fatto un presepe, l’adesione ad un quadro certo simbolico ma significativo, ad una testimonianza di fede cristiana che a volte appare appannata quando non occultata, da manifestazioni esteriori legate al consumismo ed alla superficialità materiale.
La profonda spiritualità che ha permeato il primo presepe vivente voluto da San Francesco a Greccio nel 1223, si è cercato di farla trasparire attraverso le diverse realizzazioni esposte nella mostra, in quelle immagini nelle quali la bellezza, l’artisticità dell’elaborato o le particolarità architettoniche che lo costituiscono appaiono come un corollario di quel sentire intimo e profondo che testimonia adesione allo spirito di gioia e d’amore donato a tutti dal Natale di Gesù.
Alberto Verardo

23 dicembre 2010

Miroglio: anche quest'anno la tradizionale "Camminata dei pastori"



Anche quest'anno a Miroglio, nel pomeriggio di mercoledi 29 dicembre alle ore 15,45, si svolgerà la tradizionale "Camminata dei pastori", rappresentazione ideale del viaggio dei pastori verso la capanna di Betlemme. Partendo dalla località Ponte, un gruppo di persone in costume con pecore e caprette al seguito raggiungerà la parrocchiale ove, prima della benedizione, si svolgerà una piccola rappresentazione teatrale che avrà come tema "La favola di Gelindo", il pastore che la tradizione vuole che sia stato il primo a correre in visita alla capanna dove è nato Gesù.
Nell’immaginario collettivo del Piemonte antico, ma neanche troppo, la figura di Gelindo è sinonimo del Natale; ha il cappello in testa ed i calzoni sotto il ginocchio, porta un agnello sulle spalle, al braccio la tradizionale “cavagna” e l’immancabile piva musicale.
La favola di Gelindo, scaturita dalla penna di Corrado Quadro è la storia di un contadino onesto ed ingenuo che mescola le sue umili vicende con la nascita del Redentore.
Introdotta di recente tra le manifestazioni natalizie del borgo, la “Camminata dei Pastori”, con annessa breve recita teatrale, è stata pensata, voluta e sostenuta dall’Associazione San Biagio e M. V. di Miroglio, che ha assunto la decisione di collocarla stabilmente tra le iniziative di particolare significato culturale e religioso da proporre durante il periodo natalizio a Residenti ed Ospiti, per cercare di coinvolgerli in una delle numerose azioni portate avanti con lo scopo di rivitalizzare sempre più il borgo e la vallata.
Alberto Verardo

22 dicembre 2010

La magia del Presepe nelle Grotte del Caudano di Miroglio


Ritorna come ogni anno nelle Grotte del Caudano a Miroglio, l'ormai tradizionale Presepe in grotta visitabile fino a febbraio 2011 il sabato, la domenica ed i giorni festivi (escluso il giorno di Natale). Dal 26 dicembre al 9 gennaio le grotte sono aperte tutti i giorni con ingressi alle ore 11,00 - 15,00 - 16,30. Possibile anche prenotare gite serali (per almeno minimo 5 persone).

Le Grotte del Caudano si trovano sulla strada provinciale poco prima di giungere a Miroglio proveniendo da Frabosa Sottana. Furono scoperte durante i lavori per la realizzazione di opere per l'acquedotto della centrale idroelettrica di Frabosa che doveva fornire energia alla città di Mondovì nel dicembre 1898. Hanno una lunghezza di oltre 3200 metri, la quota d'ingresso è posta a 750 m slm. Sono le grotte più estese e tra le più ricche di statattiti e stalagmiti d'Italia. Il termine "Caudano" è una parola del dialetto piemontese caud che significa caldo e va attribuito al fatto che il piccolo torrente che scaturisce dalle viscere della montagna ha sempre una temperatura costante di alcuni gradi sopra lo zero (circa 10-12° C) per tutto l'anno e quindi non gela mai.

Per informazioni sul Parco del Caudano 339-5928256

11 dicembre 2010

Tornano i Presepi in casa nell'antico borgo di Miroglio



A MIROGLIO LA BENEDIZIONE DEI BAMBINELLI
Conclusa la celebrazione della solennità liturgica dell’Immacolata Concezione, che ha avuto un prologo legato al ricordo dell’importante ricorrenza di dedicazione del Borgo a Maria Santissima e durante la quale la Comunità si è stretta attorno al suo Parroco che, in quella data, ha ricordato altresì l’anniversario di ordinazione Sacerdotale, la Comunità di Miroglio si appresta a partecipare al rito della benedizione dei “Bambinelli” che la notte di Natale vengono deposti nel presepe che ogni famiglia tradizionalmente realizza nella propria casa.
È questa una consuetudine che lo stesso Santo Padre compie da tempo, affacciandosi al balcone del suo studio di Piazza San Pietro, nella terza Domenica di Avvento e che, su iniziativa della locale Associazione san Biagio e M.V., è stata introdotta, con il consenso e la disponibilità del reverendo Parroco, nella località della Val Maudagna.
Tutti sono invitati a partecipare a questa iniziativa ed a togliere il “Bambinello” dalla scatola nella quale viene custodito, per portarlo in Chiesa domenica 12 dicembre, per la benedizione che sarà impartita nel corso della Santa Messa delle ore 10.00
Sarà questo, oltre ad un gesto di adesione ad una consuetudine che, rivolta inizialmente ai piccoli, assume, anche per i grandi, sempre più significato, anche un piccolo ma importante impegno a concorrere al consolidamento ed alla valorizzazione della semplice ma genuina tradizione del Presepe affinchè non sia solo segno di tradizione ma un convinto gesto di fede.
Alberto Verardo

01 dicembre 2010

Presentata nei giorni scorsi la Stagione Sciistica del Cuneese. Biglietto unico per tutte le stazioni della Granda entro 2-3 anni


E’ stata presentata nei giorni scorsi a Carrù la Stagione Sciistica Cuneese 2010-11. L’evento è stata l’occasione per presentare l’imminente stagione invernale degli impianti sciistici cuneesi e le principali novità proposte per quest’anno dai diversi impianti e comprensori. La provincia di Cuneo contiene un vasto territorio montano, vicinissimo alla Liguria, una sorta di “mezza luna” che va dalla Val Tanaro fino alla vallate del saluzzese e racchiude al suo interno le Alpi del Mare: venti valli, 27 tra stazioni e comprensori sciistici, 180 km lineari di montagne, e una natura ancora vergine ed incontaminata. Nel corso della presentazione alla stampa, avvenuta al teatro Vacchetti, erano presenti numerosi sindaci ed assessori delle località sciistiche della granda, nonchè i responsabili delle stazioni invernali della provincia di Cuneo.

L’Assessore Provinciale al Turismo Pietro Blengini ha annunciato importanti novità “La nostra clientela è soprattutto quella della Liguria con molte famiglie che arrivano anche dalla vicina Costa Azzurra e dal torinese. Ed è questa clientela che ci ha permesso di rimanere sul mercato e fare degli investimenti importanti. Il nostro obiettivo è quello di arrivare al biglietto unico di tutte le stazioni della “Granda”, ci stiamo lavorando e sono convinto che entro 2-3 anni diventerà realtà; è il salto di qualità che tutti vogliamo”.

L’altro segnale emerso dall’incontro è stato annunciato da Alberto Cirio Assessore Regionale al Turismo “Sulla base di quanto è fatto già nella vicina Francia, in Trentino e Valle d’Aosta, dove il sistema neve è organizzato in maniera diversa, la Regione Piemonte sta valutando come intervenire. Si tratta di acquisire da parte della Regione la proprietà degli impianti di risalita facendoli gestire ai privati con un canone da definire. A tale proposito Fin Piemonte sta elaborando uno studio che ci verrà consegnato a fine gennaio 2011, dopodiché lo valuteremo in un incontro con tutti gli operatori per trovare la migliore soluzione che sia favorevole per tutti.”

Infine un’altra chicca illustrata dal Presidente dell’ATL l’Azienda Turistica Locale del Cuneese, Gianni Vercellotti “Lo storico simbolo della Paramount Pictures è una montagna. Quella montagna è il Monviso. Per rilanciare il turismo cuneese dobbiamo riuscire a far si che la montagna simbolo abbia nome e cognome: “Monviso, Piemonte, Cuneo”.
Al termine dell’incontro sono seguiti gli interventi dei responsabili delle diverse stazioni invernali per annunciare le novità per l’imminente stagione sciistica.

24 novembre 2010

Venerdi 26 novembre apertura impianti ad Artesina e Pratonevoso



Grazie alle recenti nevicate (quota neve 15-70) e alle ottime temperature registrate, l'apertura anticipata della stagione 2010/2011, è fissata per Venerdì 26 Novembre sia ad Artesina che a Pratonevoso.

ARTESINA IMPIANTI APERTI:
Seggiovia Castellino e Sciovie Turra 1-2
Skipass Giornaliero: € 16,00
Skipass Giornaliero Ridotto (nati dal 2005): € 07,00

PRATONEVOSO IMPIANTI APERTI:
Seggiovia Blu in conca e Traski 1
Skipass Giornaliero € 16,00
Orario apertura impianti 8,30/17,00

28 ottobre 2010

"La Castagna: dono di Dio alla Montagna"




Convegno tecnico sulla castagna nel territorio Monregalese nell'ambito della "XXII Sagra della Castagna" - Palasagra di Frabosa Sottana - sabato 23 ottobre 2010

Nell’ambito della “XXII edizione della Sagra della Castagna” di Frabosa Sottana (22-24 ottobre) si è tenuto il primo convegno tecnico, voluto fortemente dal Sindaco di Frabosa Sottana Giovanni Comino, quest’anno dedicato alla Castagna dal titolo “La Castagna: dono di Dio alla Montagna”, con relatore il Dottor Giacomo Cavallotto, Presidente del Comizio Agrario di Mondovì.
La castagna, frutto particolare e curioso, ha rappresentato per secoli fino agli anni 50 una fonte di sopravvivenza per gli abitanti delle nostre montagne: un dono di Dio. Quando ancora non esistevano i supermercati, la distribuzione capillare, i servizi di trasporto e molti dei sistemi di conservazione a cui oggi siamo abituati, la castagna era detta “il pane dei poveri” e rappresentava, insieme alla polenta, uno degli elementi base nelle valli alpine piemontesi.
Oggi nella “granda” i castagneti rappresentano circa 32mila ettari che si alternano ai boschi misti di latifoglie o alle aree a prato e prato pascolo.

I castagneti da frutto sono ormai molto ridotti (in seguito al cancro della corteccia e al mal dell’inchiostro) in Italia e anche nelle nostre vallate, anche se in questo ultimo decennio la castanicoltura ha dato segni incoraggianti di ripresa. Numerosi vecchi castagneti da frutto sono stati sottoposti ad una potatura di ringiovanimento, l’infezione del cancro della corteccia sta registrando un regresso mentre le quotazioni di mercato sono particolarmente allettanti per i produttori.

Il castagno europeo (castanea sativa) e' una pianta longeva, alta fino a 25 metri, con tronchi di circonferenza talora imponenti, chioma espansa e molto ramificata, foglie caduche, di forma ellittico-allungata, a margine seghettato, quasi coraicee, di colore verde intenso e lucide, più chiare nella parte inferiore.
Pianta monoica. Le infiorescenze maschili sono rappresentate da spighe lunghe 10-20 cm di color giallo-verdastro. Quelle femminili sono costituite da fiori singoli o riuniti a gruppi di 2-3 posti alla base delle infiorescenze maschili. La fioritura si ha in piena estate. Il frutto è rappresentato da una noce detta castagna, interamente rivestita da una cupola spinosa, detta riccio. L'impollinazione può essere anemofila o entomofila, per cui molto importante è la presenza delle api.
Il castagno ama i terreni profondi, leggeri, permeabili, ricchi di elementi nutritivi, con pH tendenzialmente acido, con poco o privi di calcare. Non sopporta i terreni pesanti e mal drenati. E’ una pianta eliofila, ama i climi temperati, pur sopportando freddi invernali anche molto intensi.
Il castagno nelle nostre valli lo si può trovare dalle zone collinari (400 metri) fino alla media montagna (800-900 metri).

L’origine della castanicoltura cuneese è antichissima. I primi riferimenti si hanno verso la fine del XII secolo e sono contenuti nel carteggio della Certosa di Pesio in cui relativamente alle acquisizioni territoriali un quinto dei terreni coltivabili era rappresentato dal castagno. Ancora agli inizi del 1800 il paesaggio agrario del posto dimostrava come il castagneto continuava ad essere al centro della vita contadina del luogo. La stessa operazione di raccolta, in passato creava nei villaggi un profondo senso di socialità, nella quale venivano coinvolte soprattutto le donne, mentre gli uomini erano impegnati al trasporto e alla battitura. Il commercio dell’epoca era basato principalmente sulla compravendita di questo frutto. Il mercato più importante era quello di Cuneo, dove durante la Fiera di San Martino, l’11 novembre, le castagne venivano quotate addirittura al prezzo delle uve di maggior pregio. La sagra più antica comunque rimane la “Fiera Fredda di San Dalmazzo”che con i suoi 430 anni di storia è la dimostrazione di quanto forte sia il legame tra la popolazione montana e la castagna.


LE 26 VARIETA’ DI CASTAGNO DEL MONREGALESE

Di queste 26 varietà di castagno, catalogate ai primi decenni del ‘900, oggi nel territorio monregalese ed in particolare a Frabosa Sottana ne sopravvivono circa una decina, meno della metà a causa dell’abbandono di molti castagneti. Le più diffuse sono la Gavot, la Gentile, la Gabbiana, la Ciapastra e la Servaj Buia.



1. BASTERA – Sinonimo BASTIE’. Pianta vigorosa con tronco dritto, di buona produttività. Frutto di pezzatura medio – grossa con polpa di buon sapore. Particolarmente idonea al consumo fresco. Diffusa nelle zone castanicole alle basse altitudini. A maturazione tardiva.

2. BUTTALA – Sinonomo BUTTALINA. Pianta di medio vigore con chioma espansa, di elevata produttività. Frutto di piccola pezzatura di modesto pregio, diffusa nella zona altitudinale media del castagno.

3. CIAPASTRA – Sinonimo CHAPASTRON, BELLAVITA, TEMPURI. Pianta di buon vigore con chioma irregolare. Frutto di pezzatura medio-grossa di buon sapore. La maturazione è precoce ed il frutto si presta per il consumo fresco. La pianta evidenzia una buona resistenza al gelo invernale e può essere coltivata fino a contatto con il faggio, cioè fino a quote elevate.

4. CIRIA – Sinonimo SIRIA. Pianta di buon vigore, rustica, di buona produttività. Frutto di pezzatura medio-piccola. Polpa biancastra, compatta. Idonea al consumo fresco e per le castagne secche. Polpa di buon sapore. Un tempo considerata pregiata, oggi in via di estinzione. Diffusa con qualche esemplare in tutta la zona castanicola.

5. CROV – Pianta di buon vigore e sviluppo regolare, Frutto di pezzatura grossa, di forma irregolare. Frutto adatto al consumo fresco, di buon sapore. E’ bene coltivarlo alle basse altitudini.

6. FRATTONA – Pianta vigorosa simile alla Gabbiana, caratterizzata da una elevata rusticità e buona produttività. Frutto di pezzatura media con polpa compatta di colore bianco – giallastro, di buon sapore. Idonea al consumo fresco e per le castagne secche. Epoca di maturazione intermedia. Il legno di questa varietà risulta particolarmente ricco di tannino. Diffusa in tutta la zona castanicola del Monregalese.

7. FUSERA – Pianta di medio vigore con chioma espansa. Frutti di piccola-media pezzatura. Di importanza marginale. Diffusa con un numero limitato di soggetti in alta valle Tanaro.

8. GABBIANA – Pianta vigorosa con chioma mediamente espansa, di elevata produttività. Frutto di pezzatura media a maturazione tardiva. Polpa compatta di buon sapore. Buona per il consumo fresco e ottima per le castagne secche. Diffusa nell’alta valle del Tanaro (Garessio).

9. GAGGIA – Sinonimo GABBIA. Pianta vigorosa a portamento eretto, caratterizzata da un’elevata produttività. Frutto di media pezzatura con polpa che si presta al consumo fresco e, soprattutto, alla produzione di castagne secche. Diffusa nelle colline della Langa Monregalese.

10. GENTIL VERDEIS – Pianta di vigore medio con chioma mediamente espansa, di buona produttività. Frutto grosso di forma quasi simile al Marrone. Polpa di buon sapore. Idonea al consumo fresco. Maturazione tardiva. Diffusa nelle basse altitudini delle zone castanicole.

11. GENTILE NERO – Pianta di buon vigore e di elevata produttività. Frutto di media pezzatura, di ottimo sapore, idoneo al consumo fresco. La maturazione è precoce e va coltivato nelle altitudini basse.

12. GENTILE ROSSO – Pianta vigorosa a sviluppo irregolare, di buona produttività. Frutto di media pezzatura, di ottimo sapore, idoneo al consumo fresco. La maturazione è precoce e va coltivato nelle altitudini basse.

13. MARRONE – Pianta vigorosa, di media produttività e piuttosto esigente rispetto al clima, il terreno, l’altitudine e l’esposizione. Frutto di pezzatura medio grossa con polpa intera di ottimo sapore. La Pianta è delicata e va coltivata solo nei terreni freschi, fertili, con esposizione Sud e Sud-Ovest ad altitudine limitata. La pianta, per produrre, necessita della impollinazione fornita da impollinamenti giusti (ibridi Eurogiapponesi e castagna della Madonna).

14. NARI – Pianta mediamente vigorosa a fusto eretto. Frutto di media pezzatura, di discreto sapore. Matura precocemente e si presta alla trasformazione in castagne secche. Diffusa alle basse altitudini.

15. PATAC – Pianta vigorosa di buona produttività. Frutto di grossa pezzatura a maturazione precoce. Esige terreni freschi, fertili e bene esposti. Valida per la precocità di maturazione e per la elevata pezzatura dei frutti. Diffusa nell’alta valle dell’Ellero.

16. PRUSE – Sinonimo PELOSE. Pianta simile alla Gabbiana, di buona produttività. Frutto di pezzatura piccola, di colore rossastro scuro e ricoperto di una fine peluria. Polpa bianca, soda, di buon sapore. La maturazione è tardiva. Diffusa nell’area di Viola.

17. ROSSARIA – Sinonimo ROSSA. Produce castagne di pezzatura medio-piccola appuntite. Normalmente il riccio contiene un solo frutto. Diffusa in alta valle del Tanaro. Di importanza secondaria.

18. ROSSARINA – Pianta mediamente vigorosa a sviluppo irregolare, di buona produttività. Frutto di media pezzatura con buccia pelosa. Polpa tenera di ottimo sapore. Si presta al consumo fresco ed alla trasformazione in castagne secche. Diffusa nell’alta collina di Montezemolo.

19. RUENA – Sinonimi RAVENNA, REMNE’, GAVOT. Pianta vigorosa di buona produttività. Frutto di pezzatura media con polpa di buon sapore. Idonea al consumo fresco e per le castagne secche. A maturazione precoce. Diffusa nelle zone di Pamparato, Roburent, Frabosa.

20. SARVAJET – Pianta di medio vigore, di buona produttività. Frutto di pezzatura medio-piccola. Polpa compatta di buon sapore. Idonea al consumo fresco. Maturazione intermedia. Diffusa nella Valle Casotto.

21. SERVA DI BUIA – Pianta vigorosa. A fioritura e maturazione tardive. Resistente al gelo. Frutto medio-grosso di ottimo sapore. Apprezzato per il consumo fresco e per le castagne secche. Centro di produzione Montaldo Mondovì.

22. SPINA LUNGA – Pianta vigorosa a sviluppo uniforme, di buona produttività se risulta ben impollinata. Frutto di pezzatura medio-piccola con polpa di buon sapore. Idonea al consumo fresco. La maturazione è intermedia.

23. TEGA D’AGLIO (Spicchio d’aglio) – Pianta di medio vigore e produttività elevata. Sovente i ricci contengono sino a 6-7 frutti. Frutti piccolo con polpa di sapore dolce. Sotto l’aspetto produttivo riveste una importanza marginale mentre risulta pregiato il legno che si presenta duro resistente e particolarmente ricercato come ottimo legname da lavoro. Diffusa nella montagna di Alto.

24. TEMPORI DI MONTEZEMOLO - Pianta di medio vigore ad elevata produttività, sensibile alle prime gelate autunnali. Frutto piccolo che si raccoglie nella prima decade di settembre, di sapore mediocre. Adatto solo per caldarroste.

25. TEMPURI DI ROCCAFORTE – Pianta mediamente vigorosa con chioma espansa e pendente verso terra ad elevata produttività. Frutti di pezzatura medio - piccola con polpa di sapore mediocre. Si presta per le caldarroste.

26. TEMPURI PRIMATICCIA – Varietà precoce, nella cascola dei frutti (prima metà di settembre) diffusa lungo le colline che costeggiano la vallata del Tanaro. Il sapore del frutto è mediocre, si presta solo al consumo fresco.



COME SI CONSUMA
Oltre al consumo del prodotto fresco, la castagna è impiegata in moltissime pietanze dalle più semplici della tradizione contadina fino alle ricette più elaborate. Accanto alle classiche castagne bollite o arrostite trovano posto i “marron glacè”, il rotolo di cioccolato con i marroni, le altre preparazioni salate, come l’arrosto di maiale e il capriolo con le castagne.

IL VALORE NUTRIZIONALE DELLE CASTAGNE
I valori nutritivi medi delle castagne ed il loro contenuto in minerali e vitamine in 100 grammi di prodotto fresco, sono come segue:
La parte mangiabile è di 69 g, il contenuto in acqua è di 31 g, Kcal 189, Kj 791, proteine 2,9, zuccheri solubili 8,1, amido 36,7, grassi 1,7 saturi 0,31, monoinsaturi 0,67, polinsaturi 0,62, ac. Oleico 0,61 ac. Linoleico 0,60, ac. Linolenico 0,07, fibra 9 g, ferro (Fe) 1,2 mg, calcio (Ca) 38 mg, sodio (na) 11 mg, potassio (K) 500 mg, fosforo (P) 89 mg, Zinco (Zn) 1,8 mg, vit B1 0,22 mg, vit B2 0,35 mg, vit B3 1,4 mg, vit B6 0,42 mg, ac Folico 62 mg, vit E 0,98 mg, vit C 2 mg.

Si ringrazia per il materiale fornito il Dr Giacomo Cavallotto, Presidente del Comizio Agrario di Mondovì.

26 ottobre 2010

L'appetito vien...in grotta - Domenica 31 ottobre


Le Grotte del Caudano di Miroglio ospitano per la 5^ volta l'appuntamento culturale-gastronomico

L'evento ha lo scopo di far conoscere e scoprire le meraviglie naturali ed i prodotti tipici della Valle Maudagna. Il pranzo si terrà come di consueto presso il Ristorante "Ostu'd Frabusa" di Frabosa Sottana che proporrà il seguente menù:

Antipasti Misti; Gnocchetti di castagne al raschera d’alpeggio;
Tagliatelle della nonna al sugo di funghi porcini della val Maudagna;
Arrosto di maiale al forno con contorno di patate aromatizzate;
Bunet/Tiramisù; Caffè; Vini della Casa.

Il ritrovo per i partecipanti è previsto presso la biglietteria del Parco del Caudano alle ore 10,30; la gita in grotta durerà circa 60-70 minuti e si svolgerà su un percorso attrezzato con passerelle, scale e luci che permetteranno ai visitatori di apprezzare le bellezze del mondo sotterraneo quali le concrezioni calcaree dalle forme più strane e fantastiche. Per l'occasione i prezzi sono stati ridotti del 30%: gli adulti 23 euro tutto compreso (visita alle Grotte + pranzo; i bambini fino a 10 anni 16 euro.
Obbligatoria la prenotazione al seguente numero: 339 5928256

La visita della delegazione di Collobrières guidata dal Sindaco Amrane a Frabosa Sottana








Dopo la firma del gemellaggio ufficiale tra Collobrières e Frabosa Sottana avvenuta domenica 17 ottobre nel Municipio della cittadina transalpina, la delegazione francese guidata dal Sindaco Madame Christine Amrane si è recata in visita a Frabosa Sottana nei giorni 22 e 23 ottobre. Accolta dal Sindaco di Frabosa Sottana Dr Giovanni Comino, dopo il pranzo avvenuto al Ristorante delle Alpi di Miroglio, le due delegazioni che comprendevano alcuni assessori e componenti le due Confraternite delle castagne, quella della Castagna Bianca di Roccaforte Mondovì e quella di Collobrières, si sono recati in visita al campo dimostrativo varietale di piante da frutto presso il Monastero di San Biagio a Mondovì per vedere un castagneto sperimentale guidati dal Dottor Giacomo Cavallotto Presidente del Comizio Agrario di Mondovì, ente che gestisce la struttura. Alle 16,30 i due Sindaci si sono recati al Palazzo Comunale nella Sala Consiliare per un breve saluto e lo scambio di doni tra le due delegazioni. Il Dottor Comino nel suo breve discorso ha evidenziato come i due comuni non hanno in comune solamente la castagna, ma sono uniti dal fenomeno dell'emigrazione "Non è necessario risalire tanto indietro nel tempo, cognomi di abitanti di Frabosa quali Mamino, Baracco, Lombardo ed altri ripropongono il tema dell'emigrazione in Francia, avvenuta nel secolo scorso ma diffusa fino ad una cinquantina di anni fa. E' un momento sentimentale che ha dato lo spunto per unire le due Comunità anche sotto l'aspetto culturale e tradizionale; la montagna e la coltivazione del castagno e la produzione dei prodotti derivati". Nel corso degli anni i due Comuni hanno sviluppato le iniziative per far conoscere le castagne e far crescere le nuove realtà. Dalle prime sagre via via si è passati a manifestazioni sempre più importanti (a Collobrières si è giunti alla 28^ edizione, a Frabosa Sottana alla 22^), in grado di attirare attenzione e far conoscere le realtà e le culture locali ad un sempre più numeroso pubblico di visitatori. "Se non si fosse fatto negli anni scorsi questo sforzo, forse la cultura del castagno e le sue feste si sarebbero perse. Il futuro prevede di passare da un quadro locale ad uno regionale ed oltre. Il gemellaggio tra i nostri due Comuni prevede lo scambio di rapporti e di confronti, ad ogni livello, dal culturale alle tradizioni ed a quello turistico. Occorre quindi uno sforzo comune, per favorire l'interscambio tra gli abitanti delle due comunità, il vivo sentimento della fraternità europea , aiutare per quanto possibile a costruire pace e serenità".
Al termine della giornata le due delegazioni si sono recate a Miroglio per la visita al "Museo della Montagna", museo creato nel 2005 per volere dell'attuale sindaco Comino. Nelle sei stanze si trovano ambientazioni casalinghe, di lavoro, con indumenti, suppellettili, oltre 600 attrezzi agricoli ed altri oggetti vari risalenti alla prima metà del novecento. Il restauro e la catalogazione di ciascun oggetto sono curati da Stefano Odepemko che è anche il curatore del Museo.
Nella mattinata di sabato, la delegazione francese si è recata al Palasagra per l'inaugurazione ufficiale della "XXII Sagra della Castagna". Il taglio del nastro è stato effettuato dai due Sindaci Gianni Comino e Christine Amrane. Dopo aver assistito all'esibizione (molto apprezzata dal pubblico sottolineata da grandi applausi) dei giovani ballerini della Compagnia Balarin de Kiè di Frabosa Sottana, che hanno proposto ballate occitane, le due delegazioni hanno preso parte al Convegno "La castagna: dono di Dio alla Montagna" con relatore il Dr Cavallotto. Il convegno ha affrontato con supporto di un video alcuni aspetti tecnici, come i tipi di coltura e moltiplicazione, i valori nutrizionali ed i molteplici possibili utilizzi di questo meraviglioso prodotto della natura. Al termine, nel primo pomeriggio la delegazione di Collobrières ha fatto ritorno in Francia.

Un particolare ringraziamento per le immagini di Collobrières a Guido Baracco (Assessore del Comune di Frabosa Sottana), per le foto della visita della delegazione francese a Frabosa a Stefano Odepemko (curatore del Museo della Montagna di Miroglio).

Clicca qui sotto per le immagini del gemellaggio di Collobrières del 17 ottobre

http://www.frabosasottana.com/index.php?&set=114&dom_id=&dom_sld=frabosasottana&dom_tld=com&no_tags=1&sito_gratis=&sito=&local_page=immagini&left_local_page=&seleziona_album=Collobri%E8res+gemellaggio+17.10

clicca qui sotto per le immagini della visita della delegazione di Collobrièeres a Frabosa Sottana del 22-23 ottobre

http://www.frabosasottana.com/index.php?&set=114&dom_id=&dom_sld=frabosasottana&dom_tld=com&no_tags=1&sito_gratis=&sito=&local_page=immagini&left_local_page=&seleziona_album=Deleg.+Collobri%E8res+a+Frabosa

25 ottobre 2010

Frabosa Sottana - Gli sportivi si raccontano. Campioni d'umiltà


Alessandro Nidi
FRABOSA SOTTANA


Quando si ha l’opportunità di incontrare degli atleti noti a livello mondiale si prova un misto di ammirazione e di soggezione; ci si aspetta di trovarsi di fronte a persone fredde e distaccate, che non tradiscono emozioni. Tuttavia, gli sportivi intervenuti alla ventiduesima edizione della Sagra della Castagna di Frabosa Sottana si sono dimostrati disponibili, umili e solari, e hanno lasciato un ricordo positivo nella memoria di tutti i presenti. Questa loro manifesta disponibilità è stata evidenziata in maniera ancora più marcata dalla conferenza stampa tenutasi nella mattinata di domenica 24 ottobre presso gli uffici comunali; in essa, infatti, i campioni hanno soddisfatto le curiosità dei reporter e, grazie alla loro simpatia, regalato sorrisi a profusione. Dopo un breve discorso introduttivo del Sindaco di Frabosa Sottana, Dott. Giovanni Comino, che ha ribadito l’importanza di una manifestazione come la Sagra della Castagna in un’ottica di un futuro sviluppo del settore turistico, e i ringraziamenti rivolti dal vicesindaco, Adriano Bertolino, e dal direttore artistico della kermesse, Emanuela Carletto, a tutti coloro che hanno lavorato alacremente per far sì che la sagra avesse luogo, è iniziato il vero e proprio botta e risposta tra gli assi dello sport e i cronisti. Così, i componenti della squadra italiana della staffetta 4 x 100 (Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio e Maurizio Checcucci) che, il primo agosto 2010, sono divenuti vice-campioni europei e detentori del record italiano, succedendo ad un altro glorioso quartetto capitanato da Pietro Paolo Mennea, hanno espresso la loro felicità per aver raggiunto un obiettivo tanto importante e per aver frantumato un record che ormai in molti consideravano destinato a durare in eterno. Hanno poi confessato che non è facile rendere unito un gruppo di staffettisti, ma che, per fortuna, loro si conoscevano già da due anni e non sono sorte incomprensioni di alcun tipo. Hanno infine rivelato che la chiave del loro successo deve probabilmente essere identificata con l’ambizione collettiva, che ha avuto la meglio sulla voglia di primeggiare del singolo. Ha poi preso la parola Giovanni Mulassano, campione italiano di skeleton residente proprio a Frabosa Sottana, asserendo che è davvero un’emozione incredibile quella che si prova ad essere protagonisti in ambito sportivo ed essere premiati di fronte ai propri concittadini. Mulassano ha inoltre dichiarato di aspirare a una stagione ricca di successi, al fine di guadagnare agevolmente un posto nel team azzurro che parteciperà ai Mondiali di Germania 2011. È poi intervenuto Igor Cassina, campione olimpico di ginnastica artistica nella specialità sbarra ad Atene nel 2004, il quale ha confessato di credere nella possibilità di trionfare ai giochi di Londra 2012, pur essendo consapevole che nulla deve andare storto in gara, per avere delle chance di vittoria. Il suo obiettivo è perciò quello di arrivare sul podio ai mondiali 2011, ottenendo in questo modo il pass per gareggiare alle prossime Olimpiadi. Ha infine parlato Tania Cagnotto, campionessa europea di tuffi dal trampolino da un metro, affermando che, in realtà, lei ha vissuto il 2010 quasi come un anno sabbatico per ricaricare le batterie in vista dei molteplici impegni che la attendono nei prossimi due anni. Nonostante ciò, lei ha sempre avuto la fortuna di rendere di più in gara che in allenamento, dato confermato dall’oro europeo conquistato a Budapest con una performance impeccabile che ha lasciato tutti, compresa lei stessa, a bocca aperta. Quando la conferenza ha avuto termine, tutti i presenti non hanno potuto fare a meno di rivolgere un applauso interminabile a questi atleti dall’animo pervaso di convinzione nei propri mezzi e di umiltà a non finire, binomio proprio dei grandi campioni.

Gli "Artisti in erba" di Miroglio hanno disegnato la Val Maudagna. Consegnata la prima copia della raccolta al Sindaco di Collobrières



Venerdì sera nel corso della cena di gala della 22° Sagra della Castagna di Frabosa Sottana imperniata su i sapori della castagna tra arte e cultura, si sono tenute esposizioni d’arte, manifestazioni artistiche e presentazioni di alcuni libri editati recentemente.
L’Associazione San Biagio e M.V. di Miroglio ha illustrato e poi offerto in dono, a ricordo della serata e della loro presenza in Valle per il gemellaggio siglato nei giorni scorsi con il Comune di Frabosa, alla Sindaco di Collobrières Christine Amrane la prima copia di fresca stampa della pubblicazione “I nostri piccoli artisti disegnano Miroglio e la Val Maudagna”.
La pubblicazione raccoglie tutti i disegni che i bambini in età scolare, ma anche di qualche anno più grandi, hanno realizzato nelle tre ultime estati durante le quali si è svolto il concorso promosso nella frazione di Miroglio.
Nata per legare il lancio di “Miroglio in fiore” del 2008 – iniziativa oramai classica che si sviluppa da luglio a settembre finalizzata all’abbellimento di di balconi, terrazza ed angoli caratteristici – al passaggio in valle del Tour de France , si è progressivamente affermata giungendo nell’edizione 2010 a coinvolgere oltrte 30 bamvbini tra residenti, villeggianti ed ospiti anche occasionali.
La prima copia della raccolta è stato un omaggio molto apprezzato dalla delegazione francese che non ha mancato di esprimere, formulando i ringraziamenti, l’apprezzamento per i lavori dei nostri piccoli artisti.
Alla Sagra, nei giorni 23 e 24 ottobre, l’Associazione San Biagio ha poi partecipato con un gazebo per informare e promuovere le iniziative che costituiscono il cuore della sua presenza sul territorio, riuscendo a catalizzare l’attenzione e l’interesse di piccoli e grandi.
Cultura, tradizione, storia, lavoro e divertimento sono stati rappresentati in pannelli dedicati contenenti le foto delle attività realizzate in quest’ultimo anno.
Alberto Verardo

L'Associazione San Biagio di Miroglio ringrazia


Le castagne, ultimi frutti di stagione che madre natura offre, concedono la loro prelibatezza nelle numerose sagre che si susseguono nel corso del mese e si moltiplicano nelle varie località del territorio cuneese.
Anche Miroglio, piccola frazione di Frabosa Sottana, non è stata da meno di località ben più rinomate e famose e la prima domenica di ottobre ha dedicato alla castagna la sua annuale Giornata del Ringraziamento per i frutti della terra.
Con questa iniziativa hanno così avuto termine i festeggiamenti 2010 nella frazione.
Quando un ciclo, in questo caso di festeggiamenti, si chiude, è doveroso, oltre che gradito, testimoniare l’impegno che il gruppo dei volontari, in larga parte appartenenti alla locale Associazione San Biagio, ha profuso per il buon esito delle numerose iniziative realizzate.
A me, che in questa circostanza ho l’onore, per il ruolo ricoperto, di rivolgermi a loro ed a tutti quelli che hanno permesso, con l’opera e la disponibilità, che fosse portato a compimento un lavoro certamente faticoso ed in qualche circostanza difficile, il compito di porgere una parola di riconoscenza e di ringraziamento.
Un plauso ed un grazie è dovuto a chi ha partecipato direttamente all’iniziativa “Miroglio in fiore”, perché con gli allestimenti floreali dai variopinti colori, che hanno decorato finestre, balconi, davanzali ed angoli caratteristici, visibili all’esterno e prospicienti le vie del contesto viabile e pedonale, hanno contribuito a valorizzare ed ingentilire il borgo per tutto il periodo estivo; analogo apprezzamento deve essere rivolta alla trentina di concorrenti che hanno partecipato all’iniziativa “Torte in pista” ed alla esposizione dei “Prodotti orticoli locali”, perché con i loro dolci e le loro coltivazioni hanno contribuito alla ricerca di un progressivo recupero di tradizioni e valori che scaturiscono dalla semplicità e genuinità della popolazione.
Senza di loro nulla sarebbe stato realizzabile.
Di riflesso un grazie viene rivolto a coloro che hanno stimolato e sostenuto con impegno e dedizione le iniziative, in particolare di “Miroglio in fiore”, riuscendo a coinvolgere e motivare anche gli scettici ed a tutte le Signore che hanno seguito e visionato i singoli allestimenti fioriti e predisposto i premi.
Non possono altresì essere omessi i ringraziamenti ai giudici che hanno valutato le torte, esponendosi volontariamente alla bonaria inevitabile critica di chi non la pensava come loro.
Un non meno partecipato ringraziamento deve essere rivolto a chi ha proposto interessanti e gradevoli proiezioni che hanno fatto viaggiare il pubblico sulle ali dei ricordi e della fantasia restando comodamente seduti in poltrona ed a chi ha allietato alcune serate musicali permettendo agli appassionati di ballo di esprimersi liberamente con gioia ed allegria, allietando con le loro esibizioni anche un pubblico attento e divertito.
Non possono essere dimenticati, nel panorama dei ringraziamenti, tutte le gentili signore ed i cortesi signori che, con discrezione, hanno lavorato in silenzio ed evitato le luci della ribalta.
Un particolare ringraziamento lo meritano i bambini che, con entusiasmo ed impegno, hanno partecipato in più di trenta, tra Residenti e Villeggianti, alla gara di disegno sul tema dei paesaggi montani della Val Maudagna, riuscendo con la loro spontaneità e freschezza a coinvolgere per ben tre giorni consecutivi l’intero Borgo, lasciando una immagine di loro semplice e genuina che ha commosso e coinvolto tutti, stimolando ad altre ulteriori coinvolgenti esperienze.
Grazie alla Pro Loco di Frabosa Sottana ed al suo Presidente che si è adoperato per organizzare una riuscitissima “polentata”, immancabile nei festeggiamenti paesani e grazie all’ex Consigliere Regionale già Sindaco di Ormea, Giorgio Ferraris che ha trascorso con noi una intera serata nella quale ha illustrato il suo libro “Alpini, dal Tanaro al Don” per continuare con i mirogliesi il percorso che ogni anno si rinnova denominato “Viaggiando nella storia”.
Una espressione di gratitudine deve anche essere formulata al Coro Polifonico di Masone che ha animato la santa Messa solenne della festa patronale di Miroglio di metà settembre, esibendosi poi in un concerto pomeridiano molto applaudito e partecipato dai presenti, ed al Centro Studi Rievocazioni Storiche “A-Storia” di Savona che in occasione della castagnata di ottobre ha svolto una coreografia sull’epopea garibaldina facendo la gioia dei bambini presenti, tra i quali un gruppo appartenente all’Associazione Down di Savona.
Nel dare testimonianza del dovuto plauso, auspico non aver omesso alcuno ma, se ciò fosse stato, spero vengano amabilmente accolte le mie scuse; così pure ho fiducia che tutti coloro che sono stati e si sono coinvolti, citati oppure no, si sentano comunque parte dell’esperienza vissuta e del riconoscimento espresso.
Prima di concludere, ci sono ancora un paio di doverosi quanto graditi e sicuramente meritati ringraziamenti che vorrei fare: il primo, citandole in rigoroso ordine alfabetico, a Francesca, Giusy, Loredana, Rossella, un gruppo di Signore mirogliesi vulcaniche ed impulsive nelle idee, ma razionali ed avvedute nelle azioni che hanno sopportato il maggior peso delle iniziative con l’intraprendenza e l’abilità tutta femminile di rendere concreta ogni azione; il secondo al Reverendo Parroco di Miroglio, Don Franco Giuli che, ancora una volta, ha consentito che all’ombra del campanile di San Biagio potessero formarsi momenti di vera gioia condivisa, connotati di volta in volta, dagli aspetti religioso, culturale, sociale o ludico.
Grazie anche, quale chiosa finale, al Signor Direttore di Provincia Granda che ha gentilmente consentito la pubblicazione di questo scritto ed al lettore che sin qui è giunto a leggere.
Alberto Verardo

Frabosa Sottana - Castagna d'Oro: Bagno di folla per i magnifici sette







Il prestigioso riconoscimento anche all’ex Sindaco Pietro Blengini
Presentata la futura Mascotte della manifestazione


Cala il sipario sulla ventiduesima edizione della ‘Sagra della Castagna’ organizzata dall'Associazione Turistica Pro Loco di Frabosa Sottana, in collaborazione con il Comune di Frabosa Sottana e l'ATL di Cuneo.
Kermesse di grande successo, premiata dal numeroso pubblico che ha risalito la Val Maudagna per assaporare i prodotti tipici ed ammirare dal vivo i Campioni dello Sport premiati con la XIX CASTAGNA D'ORO.
Il sodalizio frabosano, presieduto da Nunzio Carletto, ha portato a termine una manifestazione caratterizzata da molte iniziative collaterali: lo spirito d'innovazione ha riscosso buoni risultati sin dall'anteprima di sabato 9 e domenica 10 ottobre quando,
presso Mondovicino Outlet Village, numerosi bambini hanno partecipato allo SporTalent Show, ottenendo la possibilità di salire sul palcoscenico del Palasagra nella serata di sabato per conoscere i propri idoli sportivi. Particolare soddisfazione anche per la sentita partecipazione dei giovani monregalesi alla ricerca della futura Mascotte dell'evento:
l'idea sviluppata da Marica Basso e Matteo Baracco ha ottenuto i favori del comitato giudicante, risultando vincente con il disegno intitolato "Giuanin dla castagna".

Nella mattinata di domenica si è svolta presso la Sala del Consiglio del Municipio la conferenza stampa di presentazione con la partecipazione di tutti i Campioni dello Sport. In apertura i saluti del Sindaco Giovanni Comino e del Vice Sindaco Adriano Bertolino, seguiti dall'intervento di Emanuela Carletto, direttore artistico dell'evento.
Da segnalare la presenza di numerosi giornalisti della carta stampata e delle telecamere di Mediaset: le immagini della kermesse frabosanna andranno in onda già nella giornata odierna durante l'edizione delle 13 di Studio Sport (Italia 1).
Nel pomeriggio, invece, sul palco di un gremito Palasagra si sono alternati tutti i Campioni. Guidati dalle voci di Simona Solavaggione e Renato Fusi, Tania Cagnotto (pluricampionessa europea di tuffi), Igor Cassina (Campione olimpico nella ginnastica artistica), Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio, Maurizio Checcucci (primatisti nazionali e vice campioni europei staffetta 4x100) e Giovanni Mulassano (campione di Skeleton) hanno ricevuto la prestigiosa CASTAGNA D'ORO, consegnata rispettivamente dalle mani di Rocco Pulitanò (Presidente del Consiglio Comunale di Mondovì), del Dott. Ezio Domenico Basso (Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Saluzzo), del Dott. Ferdinando Palombi (Questore della Provincia di Cuneo) e del Dott. Giovanni Comino (Sindaco di Frabosa Sottana).

La cerimonia degli ambìti premi sportivi è stata preceduta da una consegna inedita: Piero Tassone è stato chiamato sul palco per celebrare l'ex Sindaco di Frabosa Sottana Pietro Blengini, oggi Assessore della Provincia di Cuneo.

24 ottobre 2010

Frabosa Sottana - Inaugurata ieri ufficialmente la "XXII Sagra della Castagna"




Dopo la cena di degustazione avvenuta venerdi sera al Palasagra, sabato alle ore 10 si è tenuta l'inaugurazione ufficiale della 22^ edizione della Sagra alla presenza delle Autorità e di numerosi ragazzi delle scuole della zona. Il taglio del nastro è stato effettuato dal Sindaco di Frabosa Sottana Giovanni Comino e dal Sindaco di Collobrières (Francia) Madame Christine Amrane giunta ieri in visita assieme ad una nutrita delegazione, dopo il gemellaggio sottoscritto nella cittadina transalpina del Var domenica 17 ottobre. Molto applaudita l'esibizione dei giovani ballerini della "Compagnia Balarin de Kiè" di Frabosa Sottana che hanno proposto ballate popolari occitane. Alle ore 11 è seguito il Convegno "La castagna dono di Dio alla montagna" con l'intervento del Dottor Giacomo Cavallotto del Comizio Agrario di Mondovì che ha affrontato alcuni aspetti tecnici, come i tipi di coltura e moltiplicazione, oltre ai valori nutrizionali ed i molteplici possibili utilizzi di questo meraviglioso prodotto della natura, avvalendosi di un filmato illustrativo. Alle 15 lungo la via principale del paese ha avuto inizio il Mercato delle specialità della Valle Maudagna. In serata al Palasagra si è tenuta la presentazione dei Campioni dello Sport che verranno premiati domenica alle 15 con il prestigioso premio "Castagna d'oro" giunto alla 19^ assegnazione. Sul palco presentati da Renato Fusi (la voce storica del nuoto italiano)e da Simona Solavaggione (speaker radiofonica) sono saliti Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio e Maurizio Checcucci primatisti nazionali e vice campioni europei nella staffetta 4x100 di atletica, Igor Cassina campione olimpico di ginnastica artistica, Giovanni Mulassano campione italiano di skeleton e Tania Cagnotto pluricampionessa europea di tuffi.
La serata si è conclusa con l'esibizione del comico e musicista di Zelig Sergio Sgrilli.

IL PROGRAMMA DI DOMENICA 24 OTTOBRE

Nella giornata di domenica 24 ottobre sarà possibile percorrere le vie del borgo della valle Maudagna alla ricerca ed alla scoperta dell'enogastronomia locale all'interno del Mercatino delle Specialità delle Valli Monregalesi. Il 2010 segnerà anche l'esordio dell'expo motori: "Mondaj e motori" che porterà a Frabosa Sottana le auto e le moto del mito americano.

Nel pomeriggio, a partire dalle 15,00, la consegna della prestigiosa CASTAGNA D'ORO giunta alla diciannovesima assegnazione. Saranno così nuovamente presenti all'interno del Palasagra Tania Cagnotto (pluricampionessa europea di tuffi), Igor Cassina (campione olimpico nella ginnastica artistica), Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio, Maurizio Checcucci (primatisti nazionali e vice campioni europei staffetta 4x100) e Giovanni Mulassano (campione di skeleton).

Durante la cerimonia verrà presentata la nuova Mascotte della Sagra, selezionata tra i disegni pervenuti dai giovani del Monregalese.

A seguire, saliranno sul palco gli ‘Space Paranoids’, band che propone pezzi ispirati ai grandi artisti della scena rock mondiale.

In chiusura di giornata l’innovativa Merenda Sinoira: la kermesse frabosana saluterà i visitatori con una Gran Polentata a ritmo di musica per chiudere la Sagra in festa.


Sul sito www.frabosasottana.com Nella sezione "immagini" le prime foto della SAGRA clicca qui sotto

http://www.frabosasottana.com/index.php?&set=114&dom_id=&dom_sld=frabosasottana&dom_tld=com&no_tags=1&sito_gratis=&sito=&local_page=immagini&left_local_page=&seleziona_album=XXII+Sagra+Castagna+2010

22 ottobre 2010

Frabosa Sottana - Nel fine settimana la XXII Sagra della Castagna


Domenica la conferenza di presentazione con i Campioni dello Sport
Si aprirà ufficialmente domani mattina, dopo la cena di gala che andrà in scena stasera al Palasagra, la ventiduesima "Sagra della Castagna" di Frabosa Sottana. L'Associazione Turistica Pro Loco di Frabosa Sottana, in collaborazione con il Comune di Frabosa Sottana e l'ATL di Cuneo, si prepara a vivere una tre giorni riccca di avvenimenti in cui alla tradizione verranno accostati molti elementi d'innovazione.

CONFERENZA DI PRESENTAZIONE

Con il presente comunicato informiamo che domenica 24 ottobre, alle ore 11,30 presso la sala del Consiglio Comunale del Municipio di Frabosa Sottana (via 4 novembre 12) si terrà la Conferenza di Presentazione della 22^ Sagra della Castagna alla presenza dei grandi Campioni dello Sport che interverranno alla due
giorni. Saranno dunque presenti tutti gli atleti che nel pomeriggio di domenica riceveranno la prestigiosa CASTAGNA D'ORO:
Tania Cagnotto (pluricampionessa europea di tuffi) Igor Cassina (campione olimpico nella ginnastica artistica), Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio, Maurizio Checcucci (primatisti nazionali e vice campioni europei staffetta 4x100) e Giovanni Mulassano (campione di skeleton). E' possibile accreditarsi direttamente in loco il giorno della conferenza (dalle ore 10,30), oppure mandando una mail al seguente indirizzo:

castagnadoro@gmail.com

E’ consigliabile l’accredito anticipato.

20 ottobre 2010

Collobrières 17 ottobre - Il gemellaggio ufficiale tra il comune francese e Frabosa Sottana



In occasione dell'apertura della 28^ Fetes de la Chataigne, il gemellaggio tra i comuni di Collobrières (Francia) e di Frabosa Sottana è stata l'occasione di una grande festa.
La cerimonia è iniziata alle 10,15 con una sfilata dei gruppi folcloristici sul sagrato della chiesa. Dopo la messa solenne i rappresentanti dei due comuni, accompagnati dai deputati della circoscrizione Jean-Michel Couve e dal consigliere generale Albert Vatinet, seguiti dagli sbandieratori italiani e dai gruppi folcroristici delle due regioni, oltre che dalle nove confraternite invitate per la circostanza sono partiti in corteo.
Dopo aver attraversato le vie della città gremite di folla festante, il corteo ha raggiunto la sala del consiglio in comune per ufficializzare definitivamente il gemellaggio. Dopo l'aperitivo d'onore, durante il quale i due sindaci Madame Christine Amrane (Collobrières) ed il Dottor Giovanni Comino (Frabosa Sottana) si sono scambiati doni inerenti le specialità dei loro territori, è seguito il pranzo ufficiale a base di castagne. E' stata l'occasione per il gran maestro della Confraternita della Castagna Serge Sauvayre, organizzatore del protocollo, di nominare cinque nuovi membri dell'ordine.
Alla sera, durante il commiato, si è trattato di un arrivederci tra i due sindaci, poichè Madame Christine Amrane accompagnata dai suoi assessori e dalla Confraternita della Castagna, si recherà a Frabosa Sottana venerdi e sabato prossimo in occasione della XXII Sagra della Castagna.


18 ottobre 2010

XXII "Sagra della Castagna" Frabosa Sottana 22-24 ottobre: si alza il sipario - Tanti Vip attesi da Sergio Sgrilli ai Campioni dello Sport



Tutto è pronto. La ventiduesima "Sagra della Castagna" di Frabosa Sottana sta per prendere il via. L'Associazione Turistica Pro Loco di Frabosa Sottana, in collaborazione con il Comune di Frabosa Sottana e l'ATL di Cuneo, anche quest'anno rinnova l'appuntamento con la kermesse che ha come scopo principale quello di promuovere il prodotto principe dell'autunno monregalese, unitamente alla volontà di far conoscere le bellezze di un territorio che comprende numerose attrattive, a partire dalle grotte del Caudano sino alle stazioni sciistiche di Pratonevoso e Artesina.

La "XXII Sagra della Castagna" si aprità ufficialmente venerdi 22 ottobre con la consueta cena di gala a cui verrà accostata una galleria d'arte "dinamica". I piatti della tradizione monregalese, proposti dallo chef Ettore Ghibaudo, si intervalleranno a brevi "spot" degli artisti presenti, le cui opere non saranno semplicemente esposte ma faranno parte integrante dell'arredo dela sala. Il piacere della convivialità verrà esaltato e arricchito dalla presenza delle opere, aggiungendo ai sapori della tavola la meraviglia di essere circondati dall'arte. Solo su prenotazione.

I festeggiamenti proseguiranno nella giornata di sabato 23 ottobre quando verrà inaugurata ufficialmente la Sagra con l'apertura degli stands commerciali. Alle ore 10, alla presenza delle Autorità, il taglio del nastro celebrato dalla compagnia dei Balarin de Kiè e, a seguire, "La Castagna - dono di Dio alla montagna", il primo convegno tecnico dedicato al prezioso frutto della Val Maudagna.
La giornata proseguirà con il tradizionale "Mercato delle specialità" che riempirà le strade cittadine. Sin dalla serata di sabato saranno già presenti al Palasagra i "Campioni dello Sport". Saliranno sul palcoscenico, guidati dalle voci di Renato Fusi e Simona Solavaggione, speaker ufficiali della manifestazione, come anticipazione della premiazione domenicale Tania Cagnotto, Igor Cassina, Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio, Maurizio Checcucci e Giovanni Mulassano. A seguire, sul palco del Palasagra anche la cerimonia di premiazione riservata ai partecipanti dello SporTalent Show che avranno la possibilità di conoscere i grandi sportivi presenti. L'evento clou della serata sarà l'esibizione di Sergio Sgrilli, comico, musicista professionista e bluesman noto al grande pubblico per le numerose partecipazioni a Zelig.

Nella giornata di domenica 24 ottobre sarà possibile percorrere le vie del borgo della valle Maudagna alla ricerca ed alla scoperta dell'enogastronomia locale all'interno del Mercatino delle Specialità delle Valli Monregalesi. Il 2010 segnerà anche l'esordio dell'expo motori: "Mondaj e motori" che porterà a Frabosa Sottana le auto e le moto del mito americano.

Nel pomeriggio, a partire dalle 15,00, la consegna della prestigiosa CASTAGNA D'ORO giunta alla diciannovesima assegnazione. Saranno così nuovamente presenti all'interno del Palasagra Tania Cagnotto (pluricampionessa europea di tuffi), Igor Cassina (campione olimpico nella ginnastica artistica), Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio, Maurizio Checcucci (primatisti nazionali e vice campioni europei staffetta 4x100) e Giovanni Mulassano (campione di skeleton).

Durante la cerimonia verrà presentata la nuova Mascotte della Sagra, selezionata tra i disegni pervenuti dai giovani del Monregalese.

A seguire, saliranno sul palco gli ‘Space Paranoids’, band che propone pezzi ispirati ai grandi artisti della scena rock mondiale.

In chiusura di giornata l’innovativa Merenda Sinoira: la kermesse frabosana saluterà i visitatori con una Gran Polentata a ritmo di musica per chiudere la Sagra in festa.

13 ottobre 2010

Domenica 17 ottobre a Collobrières cerimonia ufficiale del gemellaggio tra la città francese e Frabosa Sottana





Domenica 17 ottobre nel corso della 28^ "Fêtes de la Châtaigne" a Collobrières si terrà la cerimonia ufficiale del gemellaggio tra il comune francese e Frabosa Sottana. La delegazione italiana guidata dal Sindaco Dott. Giovanni Comino accompagnato da alcuni componenti l'Accademia della Castagna Bianca di Roccaforte Mondovì sarà ricevuta alle ore 12 in Municipio dal Sindaco Madame Christine Amrane per la firma che sancirà l'unione tra i due comuni, unione che porterà benefici ad entrambe le località promuovendosi a vicenda.

Il 14 agosto scorso la delegazione di Frabosa Sottana era già stata ospite del comune francese per la "promessa di gemellaggio" con lo scambio dei prodotti locali dalla Confraternita della Castagna di Collobrières, associazione che ha avuto l'idea del gemellaggio.
Dopo la presentazione video delle due località, le delegazioni erano state ricevute dal Sindaco di Collobrières Madame Christine Amrane, che ha donato la medaglia della città a Giovanni Comino, il quale ha offerto in dono alcuni prodotti tipici di Frabosa.

Sul sito www.frabosasottana.com nella sezione "Immagini", in esclusiva la galleria fotografica della cerimonia del 14 agosto avvenuta in Municipio a Collobrières dal titolo
"GEMELLAGGIO COLLOBRIERES-FRABOSA SOTTANA"
Clicca qui sotto per accedere


http://www.frabosasottana.com

Sotto il link del comune di Collobrières

http://www.collobrieres.fr

Sotto il link del programma della prossima Fetes de la Chataigne di Collobrieres.

http://www.collobrieres-tourisme.com/index2.php?l_p=414

Si ringrazia per la cortese collaborazione Monsieur Baptiste Fricot Chargè de mission pour le tourisme Mairie de Collobrières.

10 ottobre 2010

Anteprima "Sagra della Castagna" di Frabosa Sottana a Mondovicino








Si è svolta sabato 9 e domenica 10 ottobre grazie alla preziosa collaborazione con Mondovicino Outlet Village, una selezione degli stand della "XXII Sagra della Castagna di Frabosa Sottana" al Parco Commerciale monregalese per offrire ai visitatori una gustosa anteprima della kermesse che andrà in scena da venerdi 22 a domenica 24 ottobre.
Grande successo di visitatori che oltre a degustare ed acquistare i prodotti tipici ed artigianali della Valle Maudagna, hanno scoperto le novità dell'edizione 2010 della sagra frabosana. Ampia risonanza ha avuto nella Piazza Outlet il laboratorio per bambini "Il Mondo delle Castagne" curato dal Presidente della Pro Loco di Frabosa Sottana Nunzio Carletto che nei due giorni ha avuto modo di illustrare ai piccoli le caratteristiche dei vari tipi di castagne, (un tempo erano 26 nel territorio, ora sono ridotte a meno di una decina).
Numerose adesioni ha riscontrato il concorso riservato ai ragazzi "Disegna la mascotte della sagra", la mascotte che diventerà a partire dal prossimo anno il simbolo ufficiale della manifestazione. Gli elaborati saranno giudicati da un'apposita giuria e il simbolo scelto verrà presentato in anteprima nella giornata di domenica 24 ottobre sul palco durante la consegna della "Castagna d'oro" ai campioni dello sport.
Preso d'assalto lo stand della Pro Loco di Frabosa Sottana per degustare le caldarroste preparate con abile maestria dai caldarrostai della Val Maudagna, ma anche per richiedere informazioni e ritirare i depliant della manifestazione.

08 ottobre 2010

"XIX Castagna d'oro" - Frabosa Sottana: ecco i Campioni dello Sport


Dalla campionessa di tuffi Tania Cagnotto al ginnasta Igor Cassina
La 4x100 d’argento di Barcellona (Checcucci, Collio, Di Gregorio e Donati)
L’azzurro monregalese dello skeleton, Giovanni Mulassano


L'Associazione Turistica Pro Loco di Frabosa Sottana, in collaborazione con il Comune di Frabosa Sottana e l'Atl di Cuneo, annuncia i nomi degli atleti che saranno presenti alla XXII edizione della "Sagra della Castagna" per ritirare la prestigiosa CASTAGNA D'ORO, giunta alla 19^ assegnazione.

La venticinquenne "bolzanina", figlia d'arte, è la prima donna italiana ad aver conquistato una medaglia mondiale nei tuffi.
Nel palmarese di Tania Cagnotto figurano quattro podi iridati (tra cui spicca il doppio argento di Roma 2009) e ben sette titoli europei, tra cui il recente doppio oro continentale conquistato a Budapest (agosto 2010- trampolino 1m, sincro 3m). Il padre, e suo allenatore, Giorgio Cagnotto l'ha sempre seguita nel suo lungo cammino, avviato a livello juniores ma consacrato agli europei di Berlino 2002 (appena diciassettenne) con il bronzo dal trampolino sincronizzato 3 metri (assieme a Maria Marconi) e l'argento dalla piattaforma. A Montreal 2005 il primo riconoscimento iridato: bronzo dal trampolino 3 metri, la prima medaglia mondiale vinta da una tuffatrice italiana.
Dopo due anni di allenamenti presso le strutture dell'Università di Houston, Tania riconquista il terzo posto ai Mondiali di Melbourne 2007 consolidando la sua fama. Nella finale trampolino 3 metri, ai Giochi Olimpici di Pechino, si classifica in quinta posizione con 349,20 punti, suo record personale in una manifestazione internazionale. Nel recentissimo passato le due medaglie d'oro di Budapest e nel futuro un obiettivo: Londra 2012.



Per Igor Cassina, invece, la medaglie d'oro olimpica rappresenta il più bell'alloro di una intensa carriera: il trentatreenne brianzolo è salito sul gradino più alto del podio ad Atene 2004 nella specialità della sbarra.
Plurimedagliato ai Campionati Europei e del Mondo, Cassina si era già assicurato un posto nella storia della ginnastica ancora prima della vittoria olimpica. è stato il primo atleta al mondo a presentare un "Kovacs teso con avvitamento a 360° sull'asse longitudinale"; come riconoscimento, la Federazione Internazionale ha dato il suo nome all'elemento, che dal 2002 è ufficialmente chiamato - "movimento Cassina".



Sul palco del Palasagra saliranno anche gli atleti della staffetta azzurra 4x100 metri piani, saliti alla ribalta con l'entusiasmante prestazione agli Europei di Barcellona. Gli azzurri Roberto Donati, Simone Collio, Emanuele Di Gregorio e Maurizio Checcucci riescono altresì a centrare l'obiettivo del nuovo primato nazionale, ritoccando, dopo ben 27 anni quel 38"37 ottenuto da Tilli, Simionato, Pavoni e Mennea ai Mondiali di Helsinki del 1983.

Seguendo il cammino tracciato nelle precedenti edizioni, anche nel 2010 il sodalizio frabosano guidato dal Presidente Nunzio Carletto ha deciso di assegnare il riconoscimento ad un personaggio sportivo di origini "nostrane".



Si tratta del venticinquenne monregalese Giovanni Mulassano, pluricampione e pluriprimatista italiano nella specialità dello skeleton.
La carriera sportiva di Giovanni parte però da un'altra disciplina. L'adolescenza è segnata da buoni riscontri, soprattutto nei 400 e nei 200 metri piani, nell'atletica.

Nell'inverno 2006 la svolta: Mulassano prova lo skeleton sulla pista olimpica di Cesana Pariol grazie ad un corso organizzato dalla F.I.S.I..
La passione è immediata: nel gennaio 2007 i primi campionati italiani, nel 2008 le prime gare internazionali nel circuito di Coppa Europa. Nel 2010 il secondo posto nelle selezioni nazionali per i Giochi Olimpici di Vancouver.

Tuffi, ginnastica artistica, atletica, skeleton… nuove, emozionanti, istantanee di Sport, come da ultraventennale tradizione della "Sagra della Castagna"

06 ottobre 2010

XXII Sagra della Castagna di Frabosa Sottana - Cena di gala: ecco la galleria d'arte "dinamica"



Sabato 9 e domenica 10 ottobre a Mondovicino anteprima della Sagra. Al via la ricerca della Mascotte e lo SporTalent Show.

L'Associazione Turistica Pro Loco di Frabosa Sottana, in collaborazione con il Comune di Frabosa Sottana e l'ATL di Cuneo, annuncia altre importanti novità legate alla ventiduesima edizione della Sagra della Castagna.

Fervono i preparativi legati all'evento di apertura della kermesse che, come già anticipato, si rinnoverà rispetto alle precedenti edizioni. Un cambiamento fortemente voluto per poter far dialogare tra loro due importanti realtà della tradizione locale: l'enogastronomia e la cultura. Ed ecco che alla consueta cena di gala verrà accostata una galleria d'arte 'dinamica': l'ecletticità delle performance artistiche invierà messaggi diversi al pubblico presente in sala, un valore aggiunto alla già nota "regia" gastronomica.

I piatti della tradizione monregalese si intervalleranno a brevi "spot" degli artisti presenti, le cui opere non saranno semplicemente esposte ma faranno parte integrante dell'arredo della sala. Il piacere della convivialità verrà esaltato e arricchito dalla presenza delle opere aggiungendo ai sapori della tavola la meraviglia di essere circondati dall'arte. Dalle ceramiche di Tiziana Perano "Persea" ai dipinti di Angela Greco, dai particolari fischietti di terracitta di Onofrii Chieco alle fotografie di Nunzio Carletto, il tutto intervallato da interessanti spazi letterari. Durnate la serata verrà infatti presentato "L'anello che non tiene", libro di Ezio Baracco dedicato a Pianvignale, e troverà giusta collocazione il commento al racconto "Lucie" della scrittrice sudafricana e premio Nobel, Nadine Gordimer. Si tratta di un intenso viaggio (non autobiografico) sul tema della riscoperta delle radici, ambientato ai Gosi di Pianvignale.

Solo su prenotazione entro il 17 ottobre 2010:
Mondolè Infopoint 0174-244481 - infopoint@mondole.it
Associazione Turistica Pro Loco Frabosa Sottana:
cell.: 347 5660378 - sagracastagna@gmail.com


Si comunica, inoltre , che sabato 9 e domenica 10 ottobre, grazie alla preziosa collaborazione con Mondovicino Outlet Village, una selezione degli stand della Sagra frabosana sarà presente al Parco Commerciale monregalese per offrire ai visitatori una "gustosa" anteprima della kermesse che andrà in scena a partire da venerdi 22 ottobre.
Sarà possibile degustare ed acquistare prodotti tipici ed artigianali della Val Maudagna, partecipare al "Il Mondo delle castange" (laboratori per bambini), scoprendo le novità legate alla 22^ edizione dell'evento: la ricerca della Mascotte e lo SporTalent Show.

La prima iniziativa è rivolta alla valorizzazione delle doti artistiche dei giovani del Monregalese: la ricerca della Mascotte che diventerà il simbolo ufficiale della Sagra della Castagna negli anni a venire, attraverso la selezione di disegni di tutti i ragazzi che vorranno cimentarsi. Le rappresentazioni saranno giudicate da un'apposita giuria e il simbolo scelto verrà presentato in anteprima nella giornata di domenica 24 ottobre sul palco. contestualmente alla consegna della CASTAGNA D'ORO.

La seconda è indirizzata a tutti i ragazzi che, presso gli stand di Mondogusto, vorranno esibirsi in un "gesto" sportivo per loro particolarmente significativo che verrà immortalato da uno scatto fotografico.
La premiazione dello SporTalent Show verrà effettuato sul palco del Palasagra di Frabosa nella serata di sabato 23 ottobre:
ad attendere i partecipanti non solo i ricchi premi dell'attività ma anche i Campioni dello Sport presenti in occasione della diciannovesima assegnazione della CASTAGNA D'ORO.

03 ottobre 2010

Miroglio - Successo e grande partecipazione di turisti e residenti per la Castagnata e la consegna del Riccio d'oro


Oggi il borgo di Miroglio ha festeggiato l'annuale Giornata del Ringraziamento per i frutti della terra, con il programma che prevedeva la Santa Messa al mattino e nel primo pomeriggio la tradizionale "Castagnata" e la consegna del "Riccio d'oro".

L'evento è stato organizzato dalla Comunità Parrocchiale in collaborazione con l'Associazione San Biagio di Miroglio.
Nonostante il clima decisamente autunnale con nebbia e a tratti una leggera pioggerellina sono stati molti i residenti ed i villeggianti, (che in questa occasione si ritrovano numerosi) che hanno preso parte alla festa.

La giornata ha avuto inizio alle ore 10 nella Chiesa parrocchiale di S. Biagio con la santa Messa, durante la quale sono stati offerti al celebrante per la mensa Eucaristica i tradizionali frutti della terra locale. Al termine della funzione religiosa, sul piazzale antistante la chiesa è stata offerta una colazione per tutti i partecipanti per stuzzicare l'appetito.

Anche quest’anno, già dal mattino, sono stati ospiti del Borgo “Gli amici di Daniele”, un gruppo di ragazzi dell’associazione ADSO di Savona con le loro rispettive famiglie che la comunità attende con la gioia, l’amicizia e la simpatia di sempre; in particolare Daniele, che con la sua famiglia è un ospite estivo fisso del Borgo e collabora a molte iniziative.

Proveniente anch’essa da Savona e reduce da numerose esibizioni nelle località storiche dell’unità d’Italia, ha preso parte alla manifestazione una rappresentanza del Centro Studi Rievocazioni Storiche “A-Storia” in abbigliamento di epoca garibaldina, che ha proposto scene di azione ed atmosfere d’epoca.



Nel pomeriggio a partire dalle ore 14.30 si sono svolti i giochi per i più piccini mentre gli abili caldarrostai locali si apprestavano con le grandi padelle a cuocere le castagne.
Alle ore 16,00 si è svolta la consegna del "Riccio d'oro" che tradizionalmente ogni anno viene consegnato a persona che nel tempo ha offerto "umile e discreta testimonianza del costante e disinteressato impegno nel campo della carità a favore del prossimo", come recita la motivazione che l'accompagna.



Quest'anno il premio è stato assegnato al "Centro Studi Rievocazioni Storiche A-STORIA" di Savona, che per il terzo anno ha preso parte alla manifestazione riscuotendo ogni volta grande gradimento da parte del pubblico.
La consegna del premio è stata effettuata dal Parroco di Miroglio Franco Giuli, assieme al Sindaco di Frabosa Sottana Dottor Giovanni Comino.
Al termine tutti i presenti hanno avuto modo di gustare le caldarroste.



L'Associazione Centro Studi Rievocazioni Storiche A STORIA nasce a Savona nel 1997 dalla volontà di un gruppo di amici guidati dal comune intento di trasmettere, al maggior numero di persone possibile, la propria passione per le epoche passate e contribuire alla conoscenza ed alla diffusione della cultura e dei costumi ad esse relative.
Il centro è l'unico gruppo storico in Italia a possedere fedeli riproduzioni delle uniformi della Marina Militare preunitaria; presta servizio d'onore con picchetti a commemorazioni di eventi storici.

L'attività dell'associazione si sviluppa con la partecipazione in costume d'epoca dei propri fuguranti a:
- Cortei storici in località nazionali ed internazionali;
- Rievocazioni di scontri avvenuti nel periodo romano e battaglie di epoca napoleonica
- Rappresentazioni di assedi di città e fortificazioni
Altre partecipazioni sono legate all'organizzazione di:
- Cene Medioevali con intrattenimenti del tempo (combattimenti e danze)
- Conferenze e dibattiti relativi a tematiche storiche
- Visite guidate a fortezze e siti storici ed archeologici.
- Incontri nelle scuole volti ad avvicinare gli alunni alle materie storiche.