22 dicembre 2015

Miroglio: bambinelli e tavolozze presepiali


Sabato 12 nella Parrocchiale di San Biagio a Miroglio, come previsto dalla programmazione predisposta dall’Associazione San Biagio per il periodo natalizio, si è svolta la tradizione benedizione dei bambinelli dei presepi che verranno realizzati nelle singole abitazioni – piccole chiese domestiche – del borgo e anche delle diverse frazioni che compongono il Comune.  
Come ogni anno il rito è avvenuto in occasione della celebrazione della terza domenica di Avvento – cosiddetta “della Gioia” cristiana che è  giustizia, pace e misericordia, la stessa che connoterà l’anno santo appena iniziato – in concomitanza con l’analoga benedizione che il santo Padre compie in piazza San Pietro.
(quest’anno posticipata al giorno 15).
Da oltre 40 anni la benedizione dei bambinelli accompagna i preparativi per il Natale degli oratori, delle parrocchie e delle famiglie, e costituisce un importante momento di valorizzazione della tradizione e della sensibilità religiosa della popolazione.
Numerosi i bambinelli benedetti dal sacerdote celebrante – Canonico Mario Rizzo – che, con significative parole, ispirate dal particolare momento, ha proceduto al rito evidenziando come sia significativo il sentimento religioso che il cristiano possiede e detiene, da quando San Francesco, in quel di Greccio, propose all’intera umanità il suo presepe vivente.

Con l’occasione l’Associazione San Biagio ha lanciato altresì una nuova iniziativa destinata ai bambini che prevede la realizzazione, con materiali poveri, di scene presepiali, utilizzando come base delle tavolette in legno, messe gratuitamente a disposizione (ritirabili, per chi volesse partecipare, in chiesa a Miroglio negli orari di celebrazione delle funzioni liturgiche o al numero telefonico 347 4890 343) da riconsegnare entro sabato 3 gennaio 2016; il 6 gennaio, alle ore 11.00, in chiesa, tutti gli elaborati saranno premiati.

21 dicembre 2015

Dal 26 dicembre 2015 in funzione il bus-navetta Frabosa Sottana-Artesina/PratoNevoso




Ritorna nel periodo natalizio il Bus Navetta Frabosa Sottana-Artesina-Prato Nevoso. Il servizio sarà attivo dal giorno 26 dicembre 2015 fino al 6 gennaio 2016. Sono previste due corse una al mattino con partenza da Frabosa Sottana alle 9,45  e ritorno da Prato Nevoso alle 10,45; una il pomeriggio 15.15 da Frabosa Sottana e ritorno da Prato alle ore 16.05. Di seguito l'orario completo.



06 dicembre 2015

Iniziative del tempo di avvento a Miroglio



Nel corso delle iniziative religiose connesse con la solennità dell’Immacolata concezione, la locale Associazione San Biagio, unitamente al Consiglio Pastorale Parrocchiale, promuovono la tradizionale dedicazione del Borgo alla Madre di Gesù.
Davanti all’edicola con il simulacro della Immacolata Concezione presente a lato del prospetto principale della Parrocchiale, al termine della celebrazione liturgica festiva, il celebrante rinnoverà l’atto di dedicazione dell’intero Borgo di Miroglio a Maria , madre benevola e ascoltata, di Gesù Cristo.
Sarà questo il primo dei numerosi momenti di particolare significato che, nel susseguirsi delle iniziative che verranno attuate, racchiude tutta la fede dei Residenti, la speranza per una quotidianità sempre più serena, la gioia di essere reciprocamente utili.
Seguirà, con la terza settimana di Avvento, cosiddetta “della Gioia” - la stessa che vede lo svolgersi dell’analoga cerimonia in piazza San Pietro da parte del Santo Padre, e che sottolinea il profondo significato religioso della tradizione presepiale dell’intera cristianità -, la benedizione delle statuine di Gesù bambino che il 25 dicembre, giorno del suo Natale, saranno collocati nei presepi – piccole chiese domestiche – allestiti all’interno delle singole abitazioni, e non solo, di Miroglio e della Valle.
Nel periodo natalizio gli stessi presepi saranno poi fotografati e le immagini saranno esposte in visione nel corso della festività patronale parrocchiale di San Biagio che verrà celebrata la prima domenica di febbraio, dopo la solennità liturgica a lui dedicata (3 febbraio). 
In concomitanza con lo svolgimento dell’iniziativa della benedizione dei Bambinelli, la locale Associazione San Biagio metterà in distribuzione il calendario 2016, contenente l’indicazione di tutte le maggiori iniziative previste per il nuovo anno a Miroglio; il calendario sarà distribuito gratuitamente (anche se sono comunque ben accette offerte che concorreranno alla copertura del costo).

Il tema scelto quest’anno è il futuro; infatti sarà una raccolta di immagini fotografiche delle attività che i bambini – il futuro nostro e del Borgo – realizzano nel corso del periodo estivo su invito dell’Associazione.

21 novembre 2015

Grande Guerra, ultimo atto in Val Maudagna



Conclusa ufficialmente lo scorso 2 giugno l’esposizione rievocativa dell’inizio delle azioni militari della prima guerra mondiale, la “Grande Guerra” come convenzionalmente viene ancora oggi denominata per il coinvolgimento delle diverse nazioni europee, degli Stati Uniti e delle  potenze asiatiche, allestita nella sala incontri del Comune di Frabosa Sottana, il ciclo della memoria dedicato a quell’evento, ha avuto una appendice domenica 15 novembre – sempre a Frabosa Sottana – nella sala incontri dell’Albergo Italia.
L’iniziativa ha cercato di porre in evidenza come l’evento – che ha un profondo significato storico e sociologico – sia stato vissuto in modo contrastato dalla popolazione dell’Italia di inizio secolo scorso.
Infatti la classe medio-alta – tendenzialmente più acculturata e ambiziosa nonché desiderosa di primeggiare – perorava la causa del conflitto per ottenere la riunificazione al Regno d’Italia delle terre irredente del trentino, del Friuli, dell’Istria e della Dalmazia, mentre la classe popolare – sicuramente meno colta nel suo complesso, ma più pragmatica e legata alla quotidianità della vita – fondamentalmente contraria ad una nuova guerra dopo quelle ancora recenti per la conquista delle colonie in Africa, nell’Egeo e in Cina, dichiarava la sua contrarietà in quanto il conflitto avrebbe causato nuove sofferenze, miseria e distruzione tra la gente comune.



L’iniziativa, promossa congiuntamente dalle Associazioni “San Biagio” - che opera da numerosi anni nella frazione di Miroglio ed è stata la promotrice dell’iniziativa primaverile - e “Valle Maudagna”, di recentissima costituzione con sede nel medesimo albergo, ha inteso riaffermare la sensibilità, sempre viva e radicata nel sentimento popolare, nei riguardi di quell’evento bellico – particolarmente sanguinoso e tragico per molte famiglie – che di fatto costrinse i giovani ad abbandonare l’attività quotidiana di coltivazione dei campi o la cura degli animali e ridimensionando un’intera generazione, ha innescato un processo che, nel tempo, ha certamente concorso a originare il progressivo spopolamento della montagna nell’intero Paese; di questi effetti è stata vittima anche la Val Maudagna.
Infatti l’evento bellico, per gli oltre tre anni nei quali con alterne vicende si è protratto, causò tra la popolazione, in particolare quella giovanile, un numero di vittime compreso tra i 15 e i 17 milioni di cui circa 12 milioni furono militari.
La mostra, nella sua semplicità ed essenzialità, ha riassunto, attraverso l’esposizione di immagini fotografiche, di documenti del tempo (riprodotti da originale) e di giornali originali e contemporanei, il percorso storico e umano dell’evento militare che ha coinvolto l’intera nazione.


Oltre alla lettura dei pannelli informativi, i visitatori hanno potuto assistere alla proiezione a ciclo continuo di un video che, partendo dai fatti di Serajevo (uccisione da parte di un anarchico, dell’Arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria) che hanno innescato il conflitto, ha percorso tutto il periodo della “Grande Guerra” dal passaggio del Piave, a Caporetto, a Vittorio Veneto e Trieste, per concludersi con l’arrivo del Milite Ignoto all’Altare della Patria.
Il conflitto, pur essendosi sviluppato lungo gli allora confini nord-orientali del Paese, intendendo dare limiti territoriali stabili e sicuri alla Nazione unendo all’Italia le “terre irredente” di Fiume, delle Venezie Giulia e Tridentina e della Dalmazia, rappresentando così per l’Italia la “Quarta guerra di Indipendenza Nazionale”,  coinvolse – in modo indifferenziato – tutta la popolazione del Regno e molte truppe della fanteria alpina, compreso il Battaglione Mondovì che aveva in forza i giovani provenienti dalla Val Maudagna e da altre zone alpine liguri-piemontesi, pagò un rilevante tributo in termini di vite umane sacrificate.
La mostra è stata aperta nel pomeriggio di sabato 14 novembre ed è rimasta aperta al pubblico anche per l’intera giornata di domenica 15, giorno nel quale presso l’Albergo Italia si sono riunite, per l’annuale incontro, le leve degli anni 1944-45-46 (le leve del periodo di chiusura della seconda guerra mondiale).



L’occasione è stata un omaggio alla memoria dei nonni, dei padri, dei fratelli, dei parenti e dei conoscenti di coloro che sono intervenuti all’incontro e che, in un giorno spensierato di festa, hanno avuto l’opportunità di rivolgere un pensiero di ricordo e di omaggio per coloro che hanno permesso all’Italia, con il proprio sacrificio, di essere sempre più nazione di popolo.
L’auspicio formulato nel corso della cerimonia di apertura è stato che questa esposizione, come lo è stata quella primaverile, abbia offerto a tutti una ulteriore occasione per fare memoria e onorare i caduti e far sì che il loro sacrificio continui a testimoniare dell’inutilità della guerra, di qualsiasi guerra, per qualunque fine essa sia stata promossa.



L’iniziativa, ha avuto anche un significativo momento di intensa partecipazione quando il Sindaco Adriano Bertolino, coadiuvato dal suo predecessore Giovanni Comino, ha consegnato alla Signora Anna Viglietti, promotrice dell’evento, un pannello commemorativo a ricordo della manifestazione.
(Alberto Verardo)

23 ottobre 2015

Domenica 25 ottobre un centinaio di valdostani visiteranno il Museo della Montagna di Miroglio

IL MUSEO DELLA MONTAGNA E DELLA SUA GENTE A MIROGLIO

Domenica prossima, 25 ottobre giungeranno a Miroglio due pullman con circa cento persone provenienti dalla Valle d'Aosta aderenti al Syndicat SAVT (Sindacato Autonomo Valdostano dei Lavoratori). Il Sindacato SAVT è nato nel lontano 1952, erede dei Sindacati dei Lavoratori Valdostani presenti nelle diverse realtà lavorative formatisi alla fine della seconda guerra mondiale. Tra i suoi obiettivi vi è tuttora la lotta allo spopolamenti della montagna, che viene perseguito anche attraverso annuali occasioni di incontro con le diverse realtà territoriali analoghe, anche in regioni diverse dalla Valle d'Aosta. Quest'anno è stata scelta la Valle Maudagna ed in particolare Miroglio. Alle ore 9,30 giungeranno in valle. Verrà effettuata la visita al Museo della Montagna e della sua gente da parte di un gruppo, mentre l'altro si recherà a Villanova Mondovì per vedere la restaurata chiesa di Santa Caterina. Tutti gli ospiti si ritroveranno poi nella parrocchiale di Miroglio per la celebrazione della Messa, animata dalle musiche e dai canti della comitiva. Chiuderà la celebrazione liturgica un canto della tradizione valdostana eseguito con accompagnamento della famosa chitarra di Alberto Faccini.
Seguiranno a gruppi invertiti le visite guidate alle due realtà culturali. Alle ore 13,30 appuntamento per il pranzo sociale tipico piemontese al Ristorante delle Alpi di Miroglio. E' auspicabile la presenza al pranzo anche dei valligiani per stringere un sempre più solido legame con realtà simili. Al termime pomeriggio in allegria con le fantastiche musiche delle fisarmoniche di Mile Danna,Mariolino di Cogne, Leonardo Rous, Eligio Gontier e la chitarra di Alberto Faccini, unitamente ai balli e ai canti di tutti gli intervenuti. 

01 ottobre 2015

A Miroglio caldarroste d'autunno



Domenica 4 ottobre nel borgo di Miroglio di Frabosa Sottana andrà in scena la giornata dedicata al Ringraziamento. La giornata, oltre ad essere dedicata alla celebrazione dei numerosi e pregiati frutti che la terra offre prima di godere del meritato riposo, aggrega il ringraziamento a tutti coloro che sostengono le attività e le diverse iniziative, culuturali, ludiche e religiose che l'Associazione San Biagio, promuove nell'arco dell'anno a favore del borgo e della sua gente. La giornata sarà altresì un importante momento di incontro con i ragazzi e loro familiari che aderiscono all'ADSO (Associazione Down Savona Onlus) e che da Savona risalgono in Val Maudagna sino a Miroglio per la loro annuale giornata di incontro collettivo. Si inizia alle 10 con la messa, con la consegna de "Riccio d'oro 2015". Nel pomeriggio visita guidata da soci della locale Associazione San Biagio al Museo della Montagna e della sua gente. Sempre nel pomeriggio verrà effettuata la tradizionale distribuzione di caldarroste a tutti i presenti.

01 agosto 2015

Gli appuntamenti dell'Estate 2015 promossi dall'Associazione San Biagio di Miroglio

          







LUGLIO


Domenica 26 – “Domenica del Pane”
Ore 10.00 Celebrazione Eucaristica a Miroglio; distribuzione del pane nel segno della condivisione e della fraternità
Promozione dell’iniziativa rivolta ai bambini in età scolare chiamati a disegnare e colorare “Vi racconto in un disegno la mia estate”
Promozione della manifestazione “Miroglio in fiore”

Lunedì 27 – “Incontro di preghiera”
Ore 16.30 Chiesa di San Biagio, Miroglio - Recita del S. Rosario; Adorazione Eucaristica e Santa Messa

AGOSTO

Domenica 2 – “Inizia la nostra estate”
Ore 10.00 Apertura al pubblico della Cappella di San Marco al Pellone (orari 10.00-12.00/15.00-17.00)

Venerdì 14 – “Sono un artista”
Ore 15.00 Bambini, Genitori e nonni giocano e lavorano insieme per … “… di che cibo sono?” 
Inizia l’esposizione dei disegni dei bambini

Sabato 15 – “Assunzione di Maria Vergine”
Ore 18.00 Santa Messa solenne – al termine Benedizione presso l’edicola della Madonna di Lourdes
Durante l’intera giornata continueranno ad essere esposti i disegni dei bambini
Estrazione premi lotto ruote di Torino e Genova

Domenica 16 – “La Pro Loco invita …”
Ore 20.30 Polentata, con musica e ballo
Durante l’intera giornata continueranno ad essere esposti i disegni dei bambini

Martedì 18 – “Torte in pista”
Ore 15.00/19.00 Consegna delle torte (presso la casa Canonica)
Ore 20.30 Valutazione delle torte pervenute, Asta per le prime tre e Premiazione delle medesime, Degustazione delle torte casalinghe;                                       Premiazione di “Miroglio in fiore”; la serata sarà allietata da musica e balli  

Mercoledì 19 – “Piccoli e grandi in gita”
Ore 14.30 Camminata in Crivirola a piedi per i bambini (con invito a Genitori e Nonni) con merenda al sacco

Venerdì 21 – “Divertiamoci insieme prima del commiato”
Ore 15.00 – Realizziamo il nostro murale (insieme a genitori e nonni)
Ore 20.45 – Videoproiezione dei disegni realizzati dai bambini sul tema “Vi racconto in un disegno la mia estate” con premiazione dei disegni stessi; premiazione di tutti i giochi

Sabato 22 – “Arrivederci estate”
Ore 20.45 – Salutiamoci con la grande grigliata “in famiglia”

SETTEMBRE

Sabato 12 – “Festa Patronale del Borgo – Nome di Maria”
Ore 20.45 Adorazione al SS. Sacramento in Chiesa

Domenica 13 – “Festa Patronale del Borgo – Nome di Maria”
Ore 10.00 Santa Messa solenne; seguirà la processione con la statua lignea della Madonna portata a spalla; breve orazione alla Cappella dell’Annunciazione; benedizione del Paese
Ore 14.30 Canti e iniziative in piazza; giochi per i più piccini

OTTOBRE

Domenica 4 – “Giornata del Ringraziamento” per i frutti della terra
Ore 10.00 Celebrazione Santa Messa
Ore 14.30 Giochi per tutti in piazza; consegna “Riccio d’Oro 2015” a persona che si è
particolarmente distinta in opere di carità a favore del prossimo; degustazione di caldarroste locali (distribuzione gratuita negli spazi antistanti la Chiesa)
Parteciperanno “Gli amici di Daniele”





Iniziative del periodo a favore della Parrocchia:
1 - Estrazione lotto di Ferragosto (estrazione di lunedì 17 agosto 2015); saranno premiati i cinque numeri estratti sulla ruota di Torino (per il primo tabellone, e i cinque numeri sulla ruota di Genova per il secondo tabellone)
2 – Nella Canonica è aperta una “Fiera di beneficienza” – 200 estrazioni tutte premiate

L’Associazione San Biagio di Miroglio di Frabosa Sottana, invita tutti i bambini – residenti e villeggianti, ma anche residenti altrove senza vincoli di territorio – a partecipare all’iniziativa "IN UN DISEGNO, VI RACCONTO LA MIA ESTATE".
Nei mesi di luglio e sino al 10 agosto, tutti i bambini che lo desiderano o hanno piacere di partecipare, sono invitati a realizzare, con tecnica e modalità realizzative libere, su fogli di formato A4 (dimensione standard 210x297 millimetri), disegni sul tema indicato.
Nel periodo di ferragosto tutti i disegni pervenuti verranno esposti e, nella serata dedicata alle premiazioni, proiettati per il pubblico; tutti saranno premiati.
I disegni, la cui consegna può già essere fatta a partire dal mese di luglio, devono portare indicato sul retro: nome e cognome dell'artista, data di nascita e recapito telefonico (per informazioni e consegna disegni rivolgersi al numero 347 4890343).

Miroglio in fiore, nuova edizione

(a.v.)Il Consiglio dell’Associazione San Biagio e Maria Vergine di Miroglio di Frabosa Sottana, ha programmato, anche quest’anno, una serie di eventi a favore della popolazione locale e dei borghi limitrofi nonché dei numerosi villeggianti che nell’estate, tradizionalmente, popolano la vallata.
Tutte le iniziative saranno sviluppate all’interno della manifestazione denominata “Miroglio in fiore”, un concorso indetto per la decorazione floreale di finestre, balconi, davanzali ed angoli caratteristici del borgo, che è stato promosso nell’ultima domenica del mese di luglio,in concomitanza con la dedicazione della stessa al pane che rappresenta il segno, semplice ma tangibile, dello spirito di fraternità e condivisione di tutta la popolazione del borgo.
Miroglio in fiore si svilupperà per l’intero mese di agosto e, formalmente, verrà conclusa con la celebrazione della festa patronale del Nome di Maria.
Nella medesima domenica è stata lanciata l’iniziativa, dedicata principalmente – ma non esclusivamente – ai più piccini, “Disegna l’estate”: nei mesi di luglio e agosto tutti i bambini, residenti, ospiti, villeggianti e del circondario, sono invitati a realizzare, con tecnica libera su normali fogli, il loro elaborato a tema fisso “In un disegno, vi racconto la mia estate”; nel periodo di ferragosto tutti i disegni verranno esposti e, nella serata dedicata alle premiazioni di tutti gli artisti, proiettati per il pubblico.

Il dettaglio degli eventi principali è inserito nel programma dell’estate editato dall’Associazione e anche nel “Programma delle Manifestazioni dell’Estate 2015” predisposto dalla Pro Loco comunale.

All'ombra del campanile di Miroglio

(a.v.) Il piccolo, dinamico e frizzante Borgo di Miroglio di Frabosa Sottana, attraverso le iniziative e le proposte formulate dall’Associazione San Biagio e Maria Vergine, che dal 2007 svolge attività di volontariato nella Frazione e nell’intero Comune, anche nell’estate del 2014, ripropone a residenti, villeggianti e ospiti occasionali, opportunità di incontro per gioire insieme, gustando l’entusiasmo e la vitalità dell’infanzia, alla quale sono state rivolte numerose iniziative.
Per questo, anche quest’anno, viene realizzata l’iniziativa “All’ombra del campanile di San Biagio”, sesta tappa di una esperienza di fraternità giunta alla sua ottava edizione imperniata anche questa volta sul tema “Vi racconto in un disegno la mia estate” .
La sua realizzazione sarà ancora una volta possibile per l’importante partecipazione, in termini di quantità ma anche di qualità, dei nostri piccoli Artisti: figure semplici e fragili per l’età anagrafica ma significative e robuste per la loro spontanea innocenza ricca di inconsapevole umiltà.
Proprio questi sentimenti, che per gli adulti sono dettati dalla consapevolezza cosciente, mentre per i piccoli è una modalità comportamentale caratterizzata dalla loro semplicità espressiva, sono alla base del crescente consenso conquistato dall’iniziativa.
Essa ha evidenziato altresì il grande pregio della spontaneità, priva delle rivendicazioni e dei connotati di orgoglio e di arroganza propri dell’ambizione di chi vuole raggiungere risultati significativi senza rendersi conto che i medesimi sono e possono essere solo conseguenza della spontaneità.
Il rilevante impegno che sicuramente verrà profuso dai bambini che parteciperanno all’iniziativa sarà assistito dai genitori e dai nonni che stimoleranno la realizzazione di bellissimi disegni, forniranno anche l’eventuale aiuto interpretativo.
A tutti un plauso anticipato, il ringraziamento dell’Associazione e l’invito a proseguire, anche in futuro, con la stessa coinvolgente sintonia.
Della significativa partecipazione dei bambini rimarrà testimonianza con la pubblicazione di un book  che racchiuderà tutti i disegni consegnati con l’indicazione dei nominativi degli autori e che permetterà loro di ricordare con gioia l’avventura della quale sono stati parte.

31 luglio 2015

Estate 2015 Frabosa Sottana - Escursioni Mondolè



L’ANELLO DEL KIÉ DEGUSTANDO IL
NOSTRO FORMAGGIO DE.CO

Partenza ore 9,30 da Frabosa Sottana.
Durata escursione circa 3 ore (facile).
Percorso ad anello da Frabosa Sottana, Miroglio, Crevirola, Miroglio, Frabosa Sottana.
Svolgimento: ritrovo davanti all’infopoint mondolè e partenza per escursione,
addentrandoci nel cuore dei nostri freschi boschi, camminando sul crestone che ci
sorprenderà con splendidi panorami, per arrivare fino a Miroglio, seguiremo
imboccando la vecchia strada militare che ci condurrà fino a Crevirola, vecchio borgo
di case in pietra, dove sosteremo per degustare il nostro squisito formaggio De.Co
immersi nei suoni e colori della natura; rientro per Frabosa Sottana costeggiando il
torrente maudagna. (Consigliamo pantalone lungo).
Costo escursione euro 15,00.
Include: accompagnatore naturalistico, degustazione.

IL MUSEO E LE CAVE DI MIROGLIO

Partenza ore 15,00 da Miroglio.
Durata escursione circa 3 ore (facile).
Svolgimento: ritrovo davanti al museo della montagna, visita guidata del museo per
conoscere gli antichi mestieri della nostra cultura popolare; proseguimento per le cave
del pregiato marmo grigio e nero, che raggiungeremo con una bella passeggiata tra i
boschi e panorami rigeneranti.
Al rientro della passeggiata faremo merenda con torta di susine De.Co buonissima!
Costo escursione euro 10,00.
Include: accompagnatore naturalistico, ingresso museo, degustazione.

... sabato 1 - 8 - 22 - 29 agosto

Note: è richiesto un minimo di 6 partecipanti paganti quota intera. Costo escursione per junior (5/12 anni) 50% della quota adulto. Escursioni curate dall'Infopoint Mondolè.
Tutte le escursioni si svolgono in media e alta montagna; è consigliabile un equipaggiamento adeguato: Altre date possibili con minimo 6 partecipanti.

Informazioni e prenotazioni: InfoPoint Mondolé
Frabosa Sottana . Tel. 0174 2444810174 244481
Prato Nevoso . Tel. 0174 3341330174 334133 . infopoint@mondole.it

29 luglio 2015

Apertura della Cappella di San Marco al Pellone


av) Un pane, componente semplice e genuina della nostra alimentazione e cibo spirituale simbolo di condivisione e partecipazione per il cristiano, gentilmente offerto dalla Panetteria Ponzo di Pratonevoso, è stato donato a ciascuno dei numerosi partecipanti alla cerimonia svoltasi domenica 26 luglio a Miroglio che ha dato inizio alle iniziative estive del piccolo borgo, che continuano con un evento culturale che si ripete de diverso tempo: l’apertura ai visitatori della Cappella dedicata a San Marco Evangelista in località Pellone, sulla strada provinciale che conduce al Mondolè.
L’antica Cappella è stata luogo di culto per lungo tempo in passato e, ancora oggi, è luogo di celebrazione liturgica in particolari occasioni.
Dipinta nel 1899 con figure e modalità semplici ma genuine da qualche pittore locale, è stata oggetto di una ripresa pittorica nel 1988 ad opera del pittore Cattò, in occasione dell’attribuzione del titolo di “luogo della memoria partigiana”.
La Cappella infatti, nel gennaio del 1944, fu teatro di un eccidio nazi-fascista che in quel luogo trucidarono un drappello di partigiani.
La storia della Cappella e del tragico evento partigiano sono raccontati in due pieghevoli a disposizione dei visitatori, predisposti a cura dell’Associazione San Biagio di Miroglio che assicurerà l’apertura del luogo domenica 2 agosto dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17.

23 giugno 2015

Frabosa Sottana immortala...."Il tempo": scatta il concorso fotografico indetto dalla Pro Loco


I partecipanti potranno inviare le proprie opere sino a domenica 26 luglio. Le immagini vincitrici saranno premiate domenica 23 agosto e le votazioni avverranno per mezzo di una giuria popolare e di una commissione di qualità
FRABOSA SOTTANA - Incomincia la stagione estiva e, puntualmente, l’associazione turistica Pro Loco di Frabosa Sottana presenta la sua prima iniziativa: si tratta di un concorso fotografico, indetto in collaborazione con l’associazione Parco del Caudano e patrocinato dall’amministrazione comunale. Il tema su cui è imperniata la gara è “Il tempo”: i partecipanti dovranno immortalare con originalità uno o più aspetti peculiari dell’argomento proposto e spedire entro domenica 26 luglio i propri lavori via mail all’indirizzo prolocofrabosasot@libero.it, allegando la ricevuta del pagamento mediante bonifico bancario della quota d’iscrizione (7,50 euro per ogni opera, 15 per tre scatti, limite massimo consentito) e la scheda di partecipazione sottoscritta e compilata in ogni sua parte. Le istantanee, a colori o in bianco e nero, dovranno essere inviate in formato digitale Jpg (dimensioni 20x30, risoluzione 300 DPI, circa 2362x3543 pixel) e saranno stampate e applicate su supporto rigido dall’organizzazione, che le esporrà in forma anonima tutti i pomeriggi dall’8 al 23 agosto presso la biglietteria del Parco del Caudano, dove potranno essere votate da tutti coloro che acquisteranno i biglietti per accedere alle grotte del Caudano e all’adventure park. Il giudizio della giuria popolare andrà a sommarsi a quello espresso da una commissione di qualità, composta dai presidenti delle associazioni che insistono sul territorio comunale: i primi tre fotografi classificati saranno premiati domenica 23 agosto alle 18 e, oltre ad un trofeo, riceveranno anche un cestino di prodotti tipici del territorio. Per informazioni di qualsiasi natura e per scaricare il regolamento e la scheda d’adesione, consultare il portale telematico www.parcodelcaudano.it.


31 maggio 2015

Frabosa Sottana, Palio delle Frazioni: la prima volta di Miroglio


La compagine in maglia arancione iscrive il proprio nome nell’albo d’oro della competizione al termine di un estenuante testa a testa con i rivali di Alma Ressia, risoltosi soltanto all’ultima prova. Medaglia di bronzo per Pianvignale, che migliora il quarto posto dell’edizione precedente
FRABOSA SOTTANA - Una volata lunga una settimana, che ha conosciuto il nome del proprio vincitore soltanto al fotofinish. Miroglio si aggiudica l’edizione 2015 del Palio delle frazioni di Frabosa Sottana al termine di una cavalcata trionfale, condita dal successo assoluto in tre prove (lancio dell’uovo, bocce quadre e percorso con il cucchiaio) e da un epilogo mozzafiato, che ha contribuito ad innalzare il coefficiente di spettacolarità della kermesse.
La compagine in divisa orange ha duellato per sette giorni con i campioni uscenti di Alma Ressia, capaci di rispondere colpo su colpo agli exploit mirogliesi e di tenere accesa la lotta per il titolo sino all’ultima giornata (quattro giochi vinti: rigori, freccette, calciobalilla e taglio del tronco). Alla fine, è prevalso l’orgoglio di chi inseguiva da tempo il trionfo nel torneo: una vittoria bramata a lungo e strappata con le unghie e con i denti, che giunge dopo anni di beffe e cocenti delusioni e suona quasi come un risarcimento nei confronti di una squadra che in passato avrebbe meritato più di quanto è riuscita a raccogliere.
Scorrendo la classifica generale e bypassando le prime due posizioni (Miroglio al comando con 37 punti, Alma Ressia seconda a quota 35), si incontra Pianvignale, medaglia di bronzo (31 punti e una sola gara vinta, quella di scala 40), mentre i padroni di casa di Frabosa Sottana si piazzano al quarto posto malgrado una clamorosa rimonta finale, che li ha portati a ridosso del podio (29 punti e due giochi vinti: prova culturale e pianto del chiodo) e ha fatto rivivere ai presenti le stesse emozioni di dodici mesi fa, quando il team in maglia nera ottenne un insperato argento in “zona Cesarini”, precedendo di un solo punto nella graduatoria conclusiva Miroglio (46 punti a 45).
Cucchiaio di legno per il fanalino di coda Riosecco San Giacomo, che quest’anno non è mai entrato davvero nel vivo della tenzone, come dimostrano i soli 18 punti raggranellati in 10 prove.




Una settimana divertente e al tempo stesso impegnativa non solo per i partecipanti, ma anche per i ragazzi dell’associazione turistica Pro Loco, come spiega il presidente Paolo Voarino: «Personalmente sono molto soddisfatto per l’organizzazione e la riuscita del torneo, che per la prima volta ha regalato a Miroglio la gioia di vincere il Palio. È stata una gara intensa e al tempo stesso equilibrata, che si è risolta soltanto all’ultimo gioco. Speriamo in futuro di poter assistere ad altre edizioni così avvincenti». Adriano Bertolino, primo cittadino di Frabosa Sottana, ha inoltre levato un plauso nei confronti della Pro Loco, «che ha avuto il merito di mantenere in vita una tradizione popolare ricca di significati».

17 maggio 2015

Frabosa Sottana: torna il Palio delle frazioni



Dal 23 al 30 maggio la Pro Loco riproporrà la tradizionale competizione primaverile. Chi succederà nell’albo d’oro ad Alma Ressia, vincitrice della scorsa edizione?

FRABOSA SOTTANA -  Dieci prove, sette giorni di gare, cinque contendenti al via, un solo vincitore: il Palio delle frazioni di Frabosa Sottana si preannuncia foriero di sorprese e colpi di scena. Dal 23 al 30 maggio l’Associazione Turistica Pro Loco curerà l’organizzazione e lo svolgimento della tradizionale manifestazione primaverile, che vedrà ai cancelletti di partenza cinque squadre: oltre alla rappresentativa del capoluogo, gareggeranno anche Miroglio (unico team a non aver ancora iscritto il proprio nome nell’albo d’oro del torneo), Riosecco San Giacomo, Pianvignale e Alma Ressia, campione uscente dopo il comodo successo ottenuto un anno fa (15 punti di vantaggio su Frabosa Sottana, seconda classificata). Solitamente la competizione si disputava in occasione della festività di San Giorgio (23 aprile), ma quest’anno è stata procrastinata essenzialmente per due ragioni, come racconta il numero uno della Pro Loco Paolo Voarino: « Da quest’anno la Pro loco aveva in gestione l’intera fiera, dalla mostra zootecnica al mercatino, e quindi tutti gli sforzi sono stati concentrati su questi elementi. Posticipando di un mese il Palio, inoltre, c’è la speranza di trovare un meteo più stabile o quantomeno temperature più miti»La disamina del presidente si è concentrata poi sui vari giochi proposti: «Rispetto all’ anno scorso si è scelta una formula più snella e con meno prove, in modo da limitare la durata del Palio a tre pomeriggi e due sere. Sono rimaste gare storiche come il lancio dell’uovo, il pianto del chiodo e il taglio del tronco; proprio quest’ultimo, a mio avviso, rappresenta la sfida più difficile, in quanto ogni frazione deve presentarsi munita di una grande sega e preparare l’attrezzo in modo adeguato, onde evitare di faticare più del dovuto durante le operazioni di taglio e  perdere così secondi preziosi. Ci sono poi giochi adatti ad ogni fascia d’età, dal percorso con il cucchiaio a scala 40, passando per le affascinanti bocce quadre, dove non conta soltanto la bravura, ma anche una buona  dose di fortuna»Voarino ha poi concluso il proprio intervento ponendo l’accento sul vero significato della kermesse: «Il Palio non è solo attività sportiva, ma anche e soprattutto un momento di aggregazione per tutti i frabosani e per tutte quelle persone legate alla valle Maudagna. È anche un espediente per far rivivere un po’ Frabosa,  coinvolgendo più gente possibile in quella che deve essere una grande festa per tutti»Il calendario della manifestazione prevede il lancio dell’uovo e la sfida ai rigori dalle ore 15 di sabato 23,  bocce quadre e freccette domenica 24 alla stessa ora, scala 40 e calciobalilla martedì 26 (ore 21), prova culturale giovedì 28 (ore 21), percorso con cucchiaio, taglio del tronco e pianto del chiodo sabato 30, con successiva cena di fine Palio presso il Gala Palace di Frabosa Sottana.

20 aprile 2015

25 aprile a Miroglio - Celebrazioni presso la Cappella di San Marco



(a.v.)Il 70° anniversario della Liberazione sarà ricordato, presso la caratteristica Cappella dedicata a San Marco Evangelista, situata al centro del tracciato stradale che da Frabosa Sottana sale verso le stazioni sciistiche dell'Artesina e di Pratonevoso, alla periferia della frazione Miroglio. Il luogo fu teatro di un eccidio barbaramente compiuto il 14 gennaio 1944 nei confronti di un manipolo di giovani partigiani colti di sorpresa dalle milizie nazi-fasciste.
La cerimonia, come avviene da tempo, sarà organizzata dall'Associazione San Biagio che ha sede nella località e coniuga l'evento con la solennità liturgica di san Marco che ricorre proprio in quel giorno.
L'evento viene sistematicamente promosso anche per ricordare a tutti, prima ancora dei fatti accaduti, il significato di quel sacrificio, per perpetrarlo nel tempo attraverso la memoria delle giovani generazioni.


Saranno a disposizione degli intervenuti due pieghevoli dedicati rispettivamente a raccontare una breve storia della Cappella e i fatti di quel tragico gennaio.
Il programma della giornata è il seguente:
ore 10 - celebrazione della Santa Messa
ore 10,45 - commemorazione dei caduti
ore 11,30 - spostamento al Museo della Montagna e della Sua Gente a Miroglio - con possibilità di visita alla sezione dedicata alla rimembranza dove sono presenti dei pannelli che illustrano fatti della Resistenza - e chiusura della cerimonia con la consegna, alle rappresentanze presenti, di un ricordo dell'evento predisposto a cura dell'Associazione.
ore 11,45 - rinfresco di commiato, saluto e ringraziamento.
L'Associazione invita altresì tutti gli ospiti con un passato militare che interverranno, a presenziare provvisti delle loro personali insegne militari.
Nella circostanza verrà altresi avviata la promozione della commemorazione del 1° centenario dell'entrata dell'Italia nel primo conflitto mondiale (24 consegna dichiarazione di guerra, 25 maggio inizio conflitto).

15 marzo 2015

Le Valli Monregalesi protagoniste a Manta il 21 e 22 marzo al Castello della Manta



In occasione delle Giornate FAI di Primavera del 21-22 marzo prossimi, il Castello della Manta si appresta ad accogliere come ogni anno centinaia di visitatori, affiancando però alla sua già ricca offerta storico-culturale, una variegata serie di eventi collaterali, facenti capo alla cosiddetta “Manta da Scoprire”. Accanto a rassegne fotografiche e concerti (da segnalare in tal senso le due esibizioni di André Gabriel, maestro provenzale di galoubet – tambourin dal 1977, ndr), la mostra “Alpi dell’Arte” (rassegna nazionale dell’arte alpina che toccherà nei prossimi mesi anche Marmora e, soprattutto, Frabosa Sottana tra il 25 luglio e il 13 settembre) e il mercato delle eccellenze delle Alpi e dell’Alta Langa, curato ed organizzato dal circuito di Paesi e Paesaggi. Nato nel 2013 e attualmente sostenuto da oltre quaranta comuni, dall’ATL di Cuneo, dall’ATL Langhe e Roero, dalla provincia di Cuneo e dalla Regione Autonoma della Valle d’Aosta, quest’ultimo intende valorizzare in maniera condivisa i produttori e le peculiarità di maggior rilievo del territorio alpino cuneese. Per l’occasione allora (accanto ad uno spazio istituzionale riservato ai comuni aderenti, tra cui Bagnasco, Caprauna, Frabosa Soprana, Frabosa Sottana, Nucetto, Ormea e Roccaforte Mondovì), vi saranno altresì alcuni dei produttori che finora hanno deciso di sostenere il progetto, molti operanti proprio nelle vallate monregalesi: dai ravioli di castagne De. Co. dell’Hotel delle Alpi di Miroglio alle eccellenze della Valle Tanaro; dalle opere poliedriche di Mauro Bonicco di Frabosa Sottana ai vini di Giuseppe Roagna di Priocca d’Alba; dall’Aglio di Caraglio ai biscotti di Sanfront e alle erbe di Valgrana. A fare da sottosfondo scenografico, infine, le rievocazioni degli antichi mestieri proposte dai figuranti del Presepe Vivente di Pianvignale. Un innovativo coagulo di sapori e saperi, insomma, per una giornata all’insegna della cultura alpina declinata in ogni sua forma.

14 febbraio 2015

Festeggiamenti a Miroglio per san Biagio



Dopo le abbondanti nevicate dei giorni precedenti che hanno disegnato uno scenario ammaliante per bellezza e luminosità senza alcun intralcio per la viabilità, un sole brillante e solo occasionalmente velato, ha favorito lo svolgimento dei festeggiamenti dedicati, nella domenica successiva alla festa liturgica a san Biagio vescovo e martire, titolare della parrocchiale e Patrono di Miroglio di Frabosa Sottana.
La Comunità del Borgo, unitamente ad un discreto gruppo dei tradizionali ospiti, tornati per la circostanza, sono stati parte dell’intera giornata che ha avuto dei momenti particolarmente significativi: uno, liturgito, con la celebrazione dela Messa e il successivo rito della benedizione della gola, l’altro, conviviale, con il pranzo sociale al Ristorane “delle Alpi” nel corso del quale sono stati consegnati il “Riccio d’oro 2014”  e il “Sanbiagino d’oro 2015” attribuiti – come è consuetudine da numerosi anni – dalla locale Associazione Onlus San Biagio a persone meritevoli. La chiesa, con l’altare finemente addobbato e il quadro raffigurante il Santo opportunamente illuminato, ha accolto i numerosi fedeli che hanno partecipato alla liturgia celebrata dal Canonico Antonio Danna e, successivamente, con pazienza, hanno ordinatamente atteso il loro turno per la benedizione della gola.
Il rito viene compiuto nel giorno della festa del Santo – spesso invocato per la guarigione dei malati dal mal di gola e da ogni altro male a ciò correlato – utilizzando le candele benedette nel giorno della festa della Presentazione di Gesù al tempio, detta anche della Candelora.
Il pranzo sociale, predisposto dallo chef Roberto Ponzo, è stato dedicato al mondo antico delle consuetudini alimentari del passato tra le quali, particolare successo, hanno avuto i ravioli di castagna che recentemente hanno ricevuto la De.Co. e sono stati presentati in diverse occasioni pubbliche.


L’atteso momento del riconoscimento si è formalizzato nel corso del pranzo.
Il Sindaco del Comune di Frabosa Sottana, Adriano Bertolino, che ha condiviso l’intera giornata con la comunità mirogliese, ha proceduto alla consegna, per conto dell’Associazione San  Biagio, il “Riccio d’oro 2014” – che, ancorchè assegnato, non era stato ritirato per una improvvisa indisposizione dell’Amministratore della Società – alla Tekno-Ambiente s.n.c. di Genova, oggi rappresentata dall’interessato, Dott. Marco Moreschini; la motivazione dell’assegnazione, che sottende l’aiuto materiale che la società mette spontaneamente a disposizione, è stata “quale riconoscimento per il disinteressato e ripetuto sostegno alle attività promosse dall’Associazione”. Il Cancelliere della Curia di Mondovì, Canonico Beppe Bongiovanni, gentilmente intervenuto anche per testimoniare il legame di cordiale Amicizia con la popolazione del Borgo, ha invece consegnato, subito dopo, il “Sanbiagino d’oro 2015” al Canonico Antonio Danna, attribuito con l’importante e significativa motivazione che lo ringrazia “per il suo impegno pastorale a servizio di tutta la comunità di Miroglio, costantemente esercitato con umiltà e carità”.


I ringraziamenti ai presenti, ai premiati, alle autorità intervenute, e al Canonico Mario Rizzo, che è stato anch’Egli parte della giornata, e che hanno di fatto concluso la giornata, sono stati formulati dall’Associazione di volontariato San Biagio, che dal 2007 è attiva sul territorio.

29 gennaio 2015

Miroglio: domenica 8 febbraio tradizionale Festa di San Biagio


Domenica 8 febbraio la Comunità di Miroglio di Frabosa Sottana celebrerà con la consueta solennità la festa patronale di San Biagio, titolare della locale parrocchiale.
La giornata, alla quale tutta la popolazione, ed auspicabilmente anche gli ospiti che tradizionalmente frequentano il Borgo, sono invitati a partecipare, prevede la celebrazione della Santa Messa alle ore 10,00 cui seguirà la tradizionale benedizione della gola.
Alle ore 12,00, presso il Ristorante "delle Alpi", si terrà il consueto pranzo sociale al quale i Residenti e gli ospiti sono invitati a partecipare (chi intende farlo, è invitato a confermare telefonicamente la presenza direttamente al Ristorante, al numero telefonico 0174.244066).
Il Menù che verrà proposto dallo chef Roberto Ponzo, sarà quello della tradizione locale con il ricorso anche al piatto dei ravioli frabosani che hanno recentemente ricevuto la De.Co (Denominazione di Origine Comunale).
Il concomitanza con i festeggiamenti sarà anche attribuito, come negli anni precedenti, a persona che si è sempre distinta nel campo della carità cristiana e adoperata per la cura e la conservazione della chiesa o la valorizzazione delle attività liturgiche, il "Sanbiagino d'oro"; la circostanza offrirà altresì l'occasione per la consegna del "Riccio d'oro 2014" che, attribuito ufficialmente lo scorso ottobre nel corso della "Giornata del Ringraziamento", non venne consegnato per motivi tecnici.
     Alberto Verardo

Menù di San Biagio

Antipasti
Insalata Regina
Flan di zucca e funghi
Cotechino con fonduta di raschera

Primo piatto
Ravioli nella tradizione di San Biagio

Secondo piatto
arrosto di tacchino con mele confit

Dessert
Dolce al cucchiaio
Bugie di carnevale

Acqua naturale e gassta

Vini
Cortese di Acqui e Dolcetto di Dogliani

Costo a prezzo convenzionato: € 15

28 gennaio 2015

Miroglio sabato 24 gennaio ricordati i caduti in Russia


Presente il Sindaco Adriano Bertolino ed una importante delegazione del locale Gruppo Alpini con le proprie insegne, sabato 24 gennaio, nella parrocchiale di Miroglio di Frabosa Sottana è stata celebrata la Santa Messa in suffragio dei caduti di tutte le guerre in particolare per i caduti e i dispersi in Russia nel ricordo del 72° anniversario della battaglia di Nowo Postojalowka - datata 17 gennaio 1943 - nella quale 13.500 alpini non tornarono più alle proprie abitazioni.
Provenienti dai territori della granda e liguri, partirono in 15.000 nel luglio del 1942 dalla stazione "Gesso" di Cuneo, assegnati alla mitica, gloriosa e martire divisione cuneense.
Al termine della celebrazione liturgica, dopo la recita della preghiera dell'alpino e brevi parole di saluto pronunciate da Eugenio Billò, già Presidente del gruppo, il Parroco , Can. Giovanni Catalano, ha proceduto alla benedizione della corona di alloro, che l'Associazione San Biagio ha offerto per la commemorazione, è poi stata deposta sotto la lapide che ricorda nominalmente tutti i mirogliesi partiti e non tornati.


E' seguito un breve intervento commemorativo da parte del Sindaco che ha anche fatto memoria della Shoah.
    Alberto Verardo