16 maggio 2018

Indicazioni sulla viabilità in occasione dell'arrivo della 18^ tappa del Giro d'Italia a Prato Nevoso del 24 maggio











COMUNE DI FRABOSA SOTTANA
101° Giro d'Italia 18^TAPPA ABBIATEGRASSO - PRATO NEVOSO Giovedì 24 maggio 2018
Orario previsto dell’arrivo: tra le 16,30 e le 17,00
Luogo dell’arrivo: Frazione Prato Nevoso, Località Colle del Prel.
La strada sarà chiusa in entrambi i sensi di marcia nel tratto MONDOVì / PRATO NEVOSO dalle ore 14.00 del giorno 24 maggio 2018. Inoltre saldo diverse disposizioni:
E’ prevista la chiusura del tratto Bivio BERGAMINI/PRATO NEVOSO a salire dalle ore 20.00 del giorno 23.05.2018 fino alle ore 08.00 del  giorno 24.05.2018.
E’ prevista la chiusura del tratto FRABOSA SOTTANA CAPOLUOGO/PRATONEVOSO a salire dalle ore 12.00 del giorno 24.05.2018.
La strada della Penna (proveniente dalla Frazione FONTANE DI FRABOSA SOPRANA) sarà tassativamente chiusa al traffico. Tali chiusure potranno subire anticipi o posticipi in base alle condizioni di afflusso presenti sul percorso. La strada rimarrà chiusa al traffico fino a cessate esigenze dell’organizzazione (circa 1 ora dopo l’arrivo).


Parcheggi:

Camper: Piazza Dodero in direzione via c. Boreale (10 posti) e area camper a pagamento (carico/scarico) via Corona Boreale, fino ad esaurimento posti e Piazzale del Verde.

Disabili: zona Conca e Piazzale del Verde.
Pullman e altri veicoli: zona del Verde. I possessori di posti auto/box agibili ubicati in Prato Nevoso potranno compilare domanda (entro le ore 12 del 23.05.2018) per il rilascio di apposito Pass per l’accesso, valevole non oltre le ore 08.00 del 24.5.2018. Dopo tale orario dovranno parcheggiare nella zona del Verde con le altre autovetture, fino ad esaurimento posti. Possibilità di raggiungere la zona di Monte Moro mediante l’omonima seggiovia da Frabosa Soprana (aperto dalle 9.00 – ticket 10€ a/r). Possibilità di arrivare al parcheggio di Artesina, fino ad esaurimento posti.
La viabilità sarà interamente gestita su disposizione della Questura di Cuneo
Per Info:
telefono: 0174.244481 int. 1 UFFICIO TURISTICO

14 maggio 2018

Inaugurata la Salita dei Campioni, con l'intitolazione dei 13 tornanti che portano a Prato Nevoso a grandi campioni del ciclismo








Sono 6 chilometri e 200 metri con pendenza del 7 per cento. E’ la cosiddetta “Salita dei campioni” che giovedì 24 maggio concluderà la diciottesima tappa del Giro ciclistico d’Italia da Abbiategrasso a Prato Nevoso. Sabato 12 maggio il Comitato tappa cuneese ha inaugurato l’intitolazione dei 13 tornanti ad altrettanti grandi campioni del ciclismo, italiani e stranieri. Sono, nell’ordine, Stefano Garzelli (al quale è stato intitolato il tornante numero 1), Vincenzo Nibali (il numero 2), Fabio Aru (numero 3), Paolo Savoldelli (numero 4), Marco Pantani (numero 5), Pavel Tonkov (numero 6), Simon Gerrans (numero 7), Gianni Bugno (numero 8), Claudio Chiappucci (numero 9), Francesco Moser (numero 10), Italo Zilioli (numero 11), Franco Balmamion (numero 12) e Fausto Coppi (numero 13). 

19 aprile 2018

Celebrazioni del 25 aprile alla Cappella di san Marco a Miroglio di Frabosa Sottana






I primi mesi del corrente anno condensano una serie di eventi molto importanti e significativi anche per la popolazione e il territorio della Val Maudagna.

- Il 70° anniversario dell’entrata in vigore, il 1° gennaio 1948, della Costituzione della Repubblica Italiana approvata il 22 dicembre 1947 dall’Assemblea Costituente;

- il 75° anniversario della nefasta battaglia di Nowo Postojalowka iniziata il 19 gennaio del 1943, nel corso della quale molti Alpini della Divisione Cuneense provenienti dalla Valle (e in particolare dalla frazione di Miroglio) morirono o vennero dati per dispersi (il Battaglione Mondovì fu annientato): per farne memoria l’Associazione San Biagio, come consuetudine, depone una corona di alloro al monumento ai caduta con una cerimonia che renderà anche gli onori militari;

- il ricordo dell’anniversario, il prossimo 25 aprile, della Liberazione dal giogo nazi-fascista e dell’eccidio nazi-fascista, perpetrato nel gennaio 1944, presso la Cappella dedicata a San Marco Evangelista, situata in Località Pellone, presso il borgo di Miroglio, nel Comune di Frabosa Sottana, ove sarà celebrata la santa Messa e impartita la benedizione alla lapide che li ricorda.

I tragici eventi citati, vengono ricordati annualmente su iniziativa della scrivente Associazione, e il corrente anno lo saranno ancor più solennemente – per il primo dei motivi suesposti – nel corso delle imminenti celebrazioni per il 25 aprile, alle quali vengono invitate e partecipano le Autorità Civili e Militari del luogo e coinvolte le scolaresche, che quest’anno racchiuderanno tutte le ricorrenze in un’unica cerimonia.

Testimone primaria del ricordo sarà, comunque, la popolazione residente e quella originaria del Borgo, che in questo giorno evidenzia l’ancora significativo senso di Comunità che la connota; la rimembranza della tragica circostanza induce infatti molti mirogliesi, che per motivi personali hanno lasciato la località, a ritornare in quel luogo di sacrificio e a essere parte della celebrazione.

L’Associazione “San Biagio”, sensibile ai valori costituzionali della Libertà, della Resistenza e della Giustizia, in memoria e a ricordo degli eventi, ma può ancora per trasferire alle giovani generazioni ciò che sempre più sembra allontanarsi dalla loro consapevolezza, e cioè la volontà dei nostri padri di costruire la Patria nella libertà e nella democrazia.

L’occasione celebrerà anche l’anniversario della Costituzione con una esposizione documentale che è allestita presso il Borgo di Miroglio, sempre a cura dell’Associazione San Biagio.

 

25 APRILE 2018

Commemorazione caduti Partigiani alla Cappella di San Marco al Pellone.
Onore ai caduti in guerra a Miroglio di Frabosa Sottana.
Celebrazione 70°della Costituzione Italiana.

 

PROGRAMMA

 

Ore 10.00 – Celebrazione della Santa Messa – Cappella San Marco

Ore 10.40 -  Commemorazione dei partigiani caduti in Val Maudagna

Ore 11.10 -  Spostamento a Miroglio per gli onori ai caduti in Russia

Ore 11.30 -  70° anniversario della Costituzione della Repubblica Italiana

Ore 12.00 -  Consegna di Attestati al Merito

Ore 12.15 -  Rinfresco di commiato, saluto e ringraziamento

31 gennaio 2018

Domenica 4 febbraio Miroglio in festa per San Biagio






Domenica 4 febbraio, la Comunità di Miroglio festeggerà, come è consuetudine da numerosi anni, il titolare della parrocchiale del piccolo Borgo: San Biagio vescovo (di Sebaste – città della Samaria palestinese nel cui territorio si trova la tomba di Giovanni Battista).
Anche se la festa liturgica è fissata dal calendario della Chiesa al 3 febbraio, quella esterna viene solennizzata la domenica immediatamente successiva a quel giorno; in questo modo vengono assicurate le condizioni affinchè tutta la popolazione residente, e quella parte di persone che tradizionalmente sono in rapporto con Miroglio per altre tipologie di legame, possa partecipare – libera da impegni lavorativi o di altra natura – a questo importante momento di vita Comunitaria.




Il programma della festa prevede la celebrazione alle ore 10 della santa Messa  e la successiva benedizione della gola, nel nome di san Biagio.
Al termine della celebrazione religiosa, sul piazzale della Chiesa verrà offerta cioccolata calda e biscotti a tutti i presenti cui seguirà alle ore 12,15 il consueto pranzo sociale (a prezzo convenzionato € 15,00 con prenotazione al numero 0174 244066), al Ristorante “delle Alpi” ove sarà consumato il tradizionale menù di San Biagio.
L’incontro conviviale sarà anche l’occasione per la formale consegna da parte delle Autorità che presiedono alla vita Civile e Sociale della Comunità, della targa del “Sanbiagino d’oro 2018” che l’Associazione San Biagio ha predisposto per l’occasione.







Menù San Biagio 2018


Antipasti

Insalata Russa
Lingua con Bagnet Verd
Millefoglie con cipolle di Tropea e salsiccia

Primo piatto

Risotto di una volta (con ragù)

Secondo piatto

Tacchino alla boscaiola
con carote burro e prezzemolo

Dessert

Zuppa inglese rustica
Bugie di carnevale

Vini

Cortese Alto Monferrato
Dolcetto di Dogliani
Acqua Fonte San Bernardo



06 dicembre 2017

L'intenso programma per le festività natalizie dell'Associazione San Biagio di Miroglio di Frabosa Sottana






ATTIVITÀ PROGRAMMATA da parte dell’Associazione San Biagio per il periodo delle festività natalizie

 

8 DICEMBRE 2017 – Dedicazione del Borgo a Maria

Nel corso delle iniziative religiose connesse con la solennità dell’Immacolata concezione, davanti all’edicola con il simulacro della Madonna presente a lato del prospetto principale della Parrocchiale, dopo la Santa Messa delle ore 10.00, il celebrante rinnoverà l’atto di dedicazione dell’intero Borgo di Miroglio a Maria , madre benevola e ascoltata, di Gesù Cristo.

Sarà questo uno dei momenti di particolare significato per Miroglio che prelude al periodo natalizio e che, nei gesti che verranno compiuti in tale occasione, racchiude tutta la fede dei Residenti, la speranza degli stessi per una quotidianità sempre più serena, la gioia di essere reciprocamente utili.

 

SABATO 16 DICEMBRE 2017 – III° DOMENICA DI AVVENTO – Benedizione dei bambinelli

Nella terza domenica del tempo di Avvento, la domenica cosiddetta “della Gioia” – la stessa che  tradizionalmente vede lo svolgersi dell’analoga cerimonia in piazza San Pietro da parte del Santo Padre, e che sottolinea il profondo significato religioso della tradizione presepiale dell’intera cristianità – il celebrante procederà alla benedizione delle statuine di Gesù bambino che il 25 dicembre, giorno del suo Natale, saranno collocati nei presepi che verranno allestiti all’interno delle singole abitazioni – piccole chiese domestiche – di Miroglio e della Valle.

Gli stessi presepi saranno poi fotografati nel periodo natalizio e le immagini saranno esposte in visione nel corso della festività parrocchiale di San Biagio che verrà celebrata la prima domenica di febbraio dopo la solennità liturgica a lui dedicata (3 febbraio). 

In concomitanza saranno rese disponibili le “tavolozze”, che saranno distribuite ai bambini, per la realizzazione di “scene presepiali” (tema e modalità esecutive libere) da ritornare in chiesa per il Natale e che saranno premiate nel giorno dell’Epifania.

In concomitanza con lo svolgimento dell’iniziativa, la locale Associazione San Biagio metterà in distribuzione il calendario 2017, contenente l’indicazione di tutte le maggiori iniziative previste per il nuovo anno a Miroglio; il calendario è in libera distribuzione, chi vorrà potrà comunque lasciare una offerta libera. 




 

CALENDARIO 2018 DELL’ASSOCIAZIONE SAN BIAGIO

Il calendario dell’Associazione San Biagio – che rinnova una iniziativa oramai consolidata nel tempo – sarà in distribuzione gratuita (sono comunque ben accette offerte libere che concorreranno alla copertura del costo)  in occasione della prima iniziativa connessa al periodo di avvento natalizio, rappresentato dalla benedizione dei bambinelli.

Quest’anno il tema scelto sarà imperniato sulla celebrazione del decennale dell’Associazione ricordato lo scorso 10 settembre; sarà quindi una raccolta di immagini fotografiche della giornata celebrativa.

 

DOMENICA 24 DICEMBRE 2017 – ACCENSIONE DELL’ALBERO DELLE BUONE INTENZIONI

Dopo la cerimonia della benedizione delle statuine di Gesù bambino, a partire dalla notte della natività, la sera del 24 dicembre, per il piccolo Borgo della Valle Maudagna il tempo di Avvento si conclude con l’allestimento dell’albero delle buone intenzioni.

Sistemato nell’area di ingresso della chiesa e illuminato, permarrà per l’intero periodo natalizio e ospiterà “le buone intenzioni” che i fedeli scriveranno su piccoli foglietti che, come avvenuto negli anni precedenti, saranno raccolti sino al 6 gennaio - giornata dell’infanzia – per poi essere bruciati e la cenere residua dispersa.

La sera del Natale di Gesù verrà altresì provveduto all’accensione della stella cometa, posta sul portale della chiesa, che ricorderà a tutti la gioia del periodo natalizio.




 

SABATO 6 GENNAIO 2018 – GIO0RNATA DELL’INFANZIA

Le celebrazioni del periodo natalizio si concluderanno il 6 gennaio quando, dopo la Santa Messa, saranno offerti ai bimbi presenti i doni dell’Epifania.

Daranno altresì premiate le “scene presepiali” a tema libero realizzate sulle tavolozze messe a disposizione e bruciate “in sicurezza” le “buone intenzioni che saranno poste sull’albero natalizio.

Con quest iniziative di coinvolgimento dei piccoli, si completerà anche l’acquisizione delle riprese fotografiche dei presepi “domestici” che saranno poi esposti in visione al pubblico in occasione della solennità di San Biagio.

 

SABATO 27 GENNAIO 2018 – RICORDO DEI CADUTI IN RUSSIA

Ricorre in questo mese la tragica odissea vissuta dagli alpini della Cuneese che, nel gelo dell’inverno russo, a Nowo Postojalowka hanno perduto la speranza di ritorno in Patria.

Il piccolo borgo di Miroglio di Frabosa Sottana ricorderà la circostanza sabato 23 gennaio con una Santa Messa celebrata alle ore 17.00 nella parrocchiale dedicata a San Biagio vescovo, il sacrificio dei numerosi giovani del luogo che, in terra di Russia, parteciparono all’infausta campagna militare.

La cerimonia religiosa, che ricorderà altresì tutti i militari ed i civili caduti nei diversi conflitti bellici, originari della Borgata, è promossa dall’Associazione San Biagio e prevede altresì la benedizione di una corona di alloro e la sua successiva deposizione presso la lapide che li ricorda, posta sul prospetto principale dell’edificio sacro.

Immediatamente dopo la cerimonia, chi vorrà, potrà visitare la parte del Museo della Montagna dedicata alla memoria delle vicende militari e belliche, che storicamente tanta parte hanno avuto per le Valli cuneesi nel secolo scorso.

Al ricordo dell’anniversario di Nowo Postojalowka, verranno invitate – come di consueto – le Autorità locali e le rappresentanze militari compreso il Gruppo Alpini di Frabosa Sottana.

 

DOMENICA 4 FEBBRAIO 2018 – FESTA PATRONALE DI SAN BIAGIO

Domenica 4 febbraio 2018 la Comunità di Miroglio di Frabosa Sottana celebrerà, con la consueta solennità, la festa patronale di San Biagio, titolare della parrocchiale di Miroglio.

La giornata, alla quale tutta la popolazione, ed auspicabilmente anche gli ospiti che tradizionalmente frequentano il Borgo, sono invitati a partecipare per festeggiare insieme la circostanza, prevede la celebrazione della Santa Messa alle ore 10.00 cui seguirà la tradizionale benedizione della gola.

Sul piazzale della parrocchiale, sempre a cura dell’Associazione San Biagio, verrà poi offerta ai presenti una frugale colazione a base di cioccolata calda e biscotti.

Alle ore 12.00, presso il Ristorante “delle Alpi”, si terrà invece il consueto pranzo sociale al quale i Residenti e gli ospiti sono invitati a partecipare.

Il Menù che verrà proposto dallo chef Roberto Ponzo, sarà quello della tradizione locale di San Biagio, con il ricorso anche al piatto dei ravioli frabosani che si fregiano della Denominazione Comunale di origine.

In concomitanza con i festeggiamenti patronali, l’Associazione San Biagio attribuirà, come negli anni precedenti, a persona che si è sempre distinta nel campo del sociale, della carità, o per la cura e la conservazione dell’edificio sacro, il “Sanbiagino d’oro”.

 

 

 

03 novembre 2017

Lo slargo in fregio alla Chiesa di San Biagio sarà presto intitolata a Don Giuseppe Ponzo





Presto lo slargo in fregio alla chiesa di San Biagio a Miroglio, frazione appartenente al Comune di Frabosa Sottana, sarà intitolato al reverendo cappellano Don Giuseppe Ponzo: la decisione è stata assunta dalla Giunta comunale frabosana in seguito all'istanza di alcuni residenti.

La richiesta è stata accolta favorevolmente dagli amministratori, ai quali compete l'attribuzione della toponomastica, al fine di tutelare la storia dell'ente e del territorio, accertandosi, contestualmente, che le nuove denominazioni rispettino l'identità culturale del paese.

Nato a Miroglio da famiglia contadina il 30 giugno 1864, Giuseppe Ponzo fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1894. Successivamente a un breve periodo come vicecurato a Crava di Rocca de' Baldi, fu nominato cappellano nella frazione Baracco di Roccaforte Mondovì , ove esercitò il suo ministero, ispirato al benedettino motto "Ora et labora", sino al 1950.

L'intitolazione dello slargo a Don Giuseppe Ponzo sarà effettuata dopo il rilascio dell'autorizzazione prefettizia.

 

16 ottobre 2017

Accatastamento fabbricati rurali - Nota dell'UNCEM Piemonte


 




Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani

Delegazione Piemontese

 

 __________________________________________________________________________________________________________ Via Gaudenzio Ferrari, 1 - 10124 Torino - Tel. 011 861 3713 Fax 011 861 3714 - uncem@cittametropolitana.torino.it www.uncem.piemonte.it

 

Accatastamento fabbricati rurali

Nota Uncem con i chiarimenti giunti dall’Agenzia delle Entrate

In Piemonte, servizi dedicati dell’Agenzia per i cittadini proprietari

 

Uncem ha sollevato nel mese di agosto diverse problematiche, segnalate da molti Sindaci e privati cittadini, in merito al censimento al Catasto Edilizio Urbano dei fabbricati rurali tuttora censiti al Catasto dei Terreni.

Uncem ha incontrato l’Agenzia delle Entrate, nelle sedi di Roma e di Torino, analizzando con i vertici dell’Agenzia le suddette problematiche. Il 2 ottobre, a Torino, presso la Direzione regionale del Piemonte, si è tenuto un importante incontro che ha chiarito le caratteristiche che devono possedere gli immobili per i quali sussiste l’obbligo di accatastamento. Di seguito i principali punti di attenzione per i proprietari, stilati in collaborazione con i tecnici dell’Agenzia delle Entrate.

****

Rientrano fra gli immobili da accatastare tutti quelli dotati di autonomia funzionale e reddituale, non ancora censiti al Catasto Edilizio Urbano. In tal caso, è obbligatorio procedere all’accatastamento dell'immobile, con l'ausilio di un tecnico abilitato.

Gli immobili che non rientrano nell’obbligo di dichiarazione sono invece quelli elencati all’art. 3, comma 2 e 3, del Decreto Ministeriale 29 febbraio 1998, n. 28, e cioè:

fabbricati o loro porzioni in corso di costruzione o di definizione;

 costruzioni inidonee ad utilizzazioni produttive di reddito, a causa dell'accentuato livello di degrado (collabenti);

 lastrici solari e aree urbane.

 manufatti con superficie coperta inferiore a 8 mq;

 serre adibite alla coltivazione e protezione delle piante sul suolo naturale;

 vasche per l'acquacoltura o di accumulo per l'irrigazione dei terreni;

 manufatti isolati privi di copertura;

 tettoie, porcili, pollai, casotti, concimaie, pozzi e simili, di altezza utile inferiore a 1,80 m, purché di volumetria inferiore a 150 mc;

 manufatti precari, privi di fondazione, non stabilmente infissi al suolo.

 

Inoltre, non sono soggetti all’obbligo di dichiarazione i fabbricati diruti (ruderi).

L’assenza dell’obbligo di dichiarazione dovrà essere segnalata all’Ufficio dell’Agenzia che ha trasmesso l’avviso bonario, utilizzando il modello cartaceo appositamente predisposto ed allegato all’avviso medesimo oppure il canale telematico disponibile sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate (Servizi online - Servizi catastali e ipotecari - Servizi catastali e ipotecari senza registrazione - Fabbricati rurali - Ricerca particelle).


E’ necessario segnalare all’Ufficio con le medesime modalità anche il caso in cui sul terreno in precedenza occupato da fabbricati rurali sia praticata una coltivazione.

In tali casi, non riscontrandosi alcuna violazione dell’obbligo dichiarativo al Catasto Edilizio Urbano, non verrà contestata alcuna sanzione.

 

Nel caso in cui risulti invece sussistente l’obbligo di accatastamento del fabbricato rurale (termine scaduto il 30 novembre 2012, ex art. 13 comma 14 ter del DL 201/2011), si procederà alla contestazione della prevista sanzione (min € 1.032,00), salvo che l’Ufficio non riceva, in tempo utile, l’atto di aggiornamento (Docfa, oltre al precedente Pregeo) e il contestuale pagamento della sanzione in misura ridotta, così perfezionandosi il ravvedimento operoso (1/6 del minimo, pari ad € 172,00).

La mera segnalazione della perdita dei requisiti di ruralità non è condizione sufficiente a regolarizzare la posizione catastale e si rende comunque necessario presentare un atto di aggiornamento (Docfa). Si ricorda, infatti, che l’obbligo di accatastamento sussiste in ogni caso per i fabbricati che passano dalla categoria degli esenti a quella dei soggetti all’imposta. In tal caso l’Ufficio verificherà la data dichiarata di perdita dei requisiti, al fine di valutare i presupposti della potestà sanzionatoria.

Si ricorda che tale potestà decade il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è avvenuta la violazione (ex art. 20 comma 1 del DL 472/97).


A beneficio dei professionisti incaricati, si segnala che, ai fini dell’accatastamento Docfa è stato previsto l’utilizzo della tipologia “Fabbricato ex rurale - art. 2, comma 36 o 37, DL n. 262/06”. Nella dichiarazione i professionisti dovranno indicare, nel campo “data ultimazione lavori”, la data in cui si è verificato il “caso d’uso”, specificando tale evento nelle “note relative al documento e relazione tecnica” (cd. “caso d’uso”: trasferimento di diritti reali, mutazione nello stato giuridico del bene o perdita dei requisiti di ruralità ai fini fiscali).

L'Agenzia delle Entrate ha precisato che il fine ultimo dell’attività è quello di pervenire alla definitiva bonifica della banca dati in modo da realizzare il necessario e completo censimento al Catasto Edilizio Urbano del patrimonio immobiliare esistente sul territorio nazionale.

****

In occasione dell’incontro tenutosi presso la Direzione Regionale del Piemonte, il Direttore regionale ha infine anticipato una iniziativa che sarà avviata a partire dal prossimo mese di novembre in concomitanza con l’invio delle sanzioni.

Tale iniziativa prevede l’attivazione di sportelli, presidiati da personale tecnico qualificato e specificamente formato, presso le sedi sub-provinciali di Pubblicità Immobiliare delle provincie di Torino (Ivrea, Pinerolo e Susa) e Cuneo (Alba, Mondovì e Saluzzo), per migliorare la comunicazione istituzionale, limitare il disagio e favorire l’accesso alle informazioni da parte dei cittadini coinvolti, soprattutto in tema di sanzioni e di possibilità di accesso all’istituto dell’autotutela.

 

L’apertura straordinaria di detti sportelli, che saranno attivi fino a cessate esigenze, è prevista presso le sedi indicate tutti i lunedì ed i mercoledì, dalle ore 8,30 alle ore 13,00 a partire da lunedì 6 novembre.

 

Restano comunque operativi i servizi di front-office di tutti gli Uffici provinciali - Territorio, i cui orari ed indirizzi sono disponibili sul sito istituzionale dell’Agenzia delle Entrate.

 

Di seguito gli indirizzi degli Uffici provinciali - Territorio del Piemonte:

 

Alessandria - Via Arnaldo da Brescia 19

Asti - Via Giuseppe Bocca 12

Biella - Via Amendola 9/11

Cuneo - Via San Giovanni Bosco 13B

Novara - Via Tornielli 14

Torino - Via Guicciardini 11

Verbania - Corso Europa 30

Vercelli - Via Duomo 2

Uncem - d’intesa con Agenzia delle Entrate - invita i Sindaci e gli Amministratori locali a dare la massima diffusione a questo avviso al fine di intercettare il maggior numero di cittadini interessati.

 

Torino, 13 ottobre 2017